Napoli sorride ai De Laurentiis: 5 milioni per i compensi del CdA

Alessandro Cipolla

10/04/2020

05/07/2021 - 16:53

condividi

Da un report di Calcio e Finanza emerge come nel 2019 il CdA del Napoli, composto quasi totalmente dalla famiglia De Laurentiis, abbia ricevuto oltre 5 milioni di compensi che sono diventati una sorta di dividendi annui.

Sono 5,095 i milioni che sono stati inseriti nel bilancio del Napoli, chiuso al 30 giugno 2019, per quanto riguarda gli stipendi dei cinque membri del Consiglio d’Amministrazione del club partenopeo.

A rivelarlo è un report di Calcio e Finanza, che ha evidenziato come il Napoli sia la società tra le venti della nostra Serie A che più spende per i compensi del CdA nonostante diversi altri club possono contare su un board molto più corposo.

Attualmente i cinque componenti del Consiglio di Amministrazione degli azzurri sono Aurelio De Laurentiis (presidente e amministratore delegato), Edoardo De Laurentiis (vicepresidente), Valentina De Laurentiis, Jacqueline Baudit (vicepresidente) e Andrea Chiavelli (consigliere delegato).

A formare il CdA in sostanza sarebbe Aurelio De Laurentiis, la moglie Jacqueline, i due figli Edoardo e Valentina oltre al suo storico braccio destro Andrea Chiavelli. Mediamente nell’ultima stagione per ognuno di loro è stato staccato un assegno da oltre 1 milione.

Questa sorta di dividendo per la famiglia De Laurentiis è ormai prassi nel bilancio dei partenopei, visto che per i compensi dal 2011 sono stati elargiti pagamenti che hanno toccato nel complesso anche i 5,5 milioni come nel 2014.

C’è da dire che il Napoli è uno dei pochi club di Serie A a presentare a fine spesso i propri conti in ordine. L’ultimo bilancio infatti per gli azzurri si è chiuso con un utile di 29,2 milioni che ha permesso di aumentare gli stipendi del CdA a 5,095 milioni in totale dopo gli 1,025 del 2018.

Argomenti

# Calcio
# Napoli

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.