Motor Show 2018, addio all’evento di Bologna: forse rinascerà a Modena

L’ufficialità arriverà durante la conferenza stampa del prossimo 25 ottobre. Il Motor Show di Bologna non si farà: annullata l’edizione 2018, ma per il futuro si pensa a Modena.

Motor Show 2018, addio all'evento di Bologna: forse rinascerà a Modena

Il Motor Show 2018 a Bologna non si farà: l’edizione di quest’anno, che doveva andare in scena dal 6 al 9 dicembre in versione ridotta, è stata annullata per il successo calante della kermesse e per i non confermati forfait di alcune case automobilistiche.

Dal momento che c’è poco tempo per un evento sostitutivo, per il 2018 Bologna e l’Italia dovranno rinunciare a un appuntamento divenuto un must per tutti gli appassionati, una tradizione lunga più di 40 anni. Incerto anche il futuro del Motor Show, che secondo alcune indiscrezioni potrebbe trasferirsi a Modena in estate.

Nonostante non fossero mai mancati i visitatori, le perdite per 1,7 milioni di euro della scorsa edizione hanno scoraggiato gli organizzatori. Anche nel 2013 e nel 2015 c’era stato lo stop.

Addio Motor Show di Bologna

Il Corriere di Bologna conferma un’indiscrezione che da settimane circolava nell’ambiente, visto che a meno di due mesi dall’inizio della kermesse ancora mancavano diverse conferme da parte degli organizzatori.

Ideato e lanciato da Mario Zodiaco nel 1976, il Motor Show è cresciuto soprattutto tra il 1980 e il 2006, quando raggiunse il record di 1.2 milioni di visitatori. Bologna per 10 giorni diventava il polo di riferimento per auto e moto, tra novità, anteprime nei padiglioni e tanti spettacoli motoristici al di fuori.

Nel 2007, dopo il passaggio al gruppo francese GL Events, sono arrivati i primi cali di pubblico, culminati con l’annullamento delle edizioni 2013 e 2015. Dal 2016 il Motor Show è tornato sotto il patrocinio di Bologna Fiere Spa.

Troppe perdite e poche presenze confermate

A far desistere gli organizzatori sono state le perdite ormai troppo elevate per non essere considerate: l’edizione 2017 si è chiusa con un passivo di 1,7 milioni di euro.

Oltre alle perdite, va contestualizzato il salone in un momento di crisi e di passaggio del settore automotive, con grandi marchi che rinunciano anche ad eventi di stampo più internazionale in favore di eventi organizzati in autonomia.

Tuttavia, sia il basso coinvolgimento del pubblico sia la poca appetibilità per le case automobilistiche sono stati dovuti finora a un poco interessamento istituzionale nei confronti del Motor Show. Dal 2007, in corrispondenza della crisi automotive, è comprensibile un calo. Ma al 2016, con il mercato in ripresa, la kermesse di Bologna avrebbe dovuto rinascere con un apparato organizzativo da grande evento cercando di stabilizzarsi come il Parco Valentino a Torino, convogliando turisti e visitatori da ogni parte d’Italia e non solo.

Motor Show a Modena?

Ora molti appassionati rimangono delusi e sorpresi da queste notizie, dato che fino a pochi giorni fa la comunicazione social del Motor Show 2018 era ancora operativa come la vendita dei biglietti.

A questo punto non rimane che sperare in un nuovo Motor Show a Modena, probabilmente durante l’estate. Bologna Fiere è azionista di maggioranza di Fiera di Modena, che nonostante abbia padiglioni più piccoli, può contare anche sul circuito di Marzaglia, il tutto con costi più contenuti rispetto a Bologna.

Tutte le ufficialità sono rimandate al 25 ottobre, quando Rino Drogo, direttore del Motor Show, illustrerà in conferenza stampa lo stato del salone.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Saloni Auto e Moto

Argomenti:

Saloni Auto e Moto

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.