Mercati emergenti: l’investimento del prossimo decennio?

Investire nei mercati emergenti è la più grande opportunità di profitto per gli investitori nei prossimi dieci anni. L’analisi di Research Affiliates su Pimco.

Gli asset dei mercati emergenti avrebbero un prezzo molto conveniente ora e potrebbero essere “l’investimento del prossimo decennio”, secondo Research Affiliates LLC, un sub-consulente di Pacific Investment Management Co., uno dei più grandi gestori di fondi del mondo.

Un numero crescente di fondi d’investimento, tra cui BlackRock Inc., Franklin Templeton e Goldman Sachs Asset Management, sta puntando al rialzo sui mercati emergenti dopo tre anni di inesorabili discese.
Con gli oneri finanziari ai massimi livelli in seguito alla crisi finanziaria del 2008, gli investitori stanno traendo vantaggio dal crollo dei prezzi delle materie prime e dal rallentamento economico della Cina, ha detto BlackRock martedì.

La fuga dei capitali dai mercati emergenti è una grande opportunità - e molto probabilmente l’investimento del prossimo decennio per quanto riguarda gli investimenti a lungo termine. Siamo sempre più convinti della nostra posizione riguardo le azioni e le obbligazioni dei mercati emergenti”,

ha detto Christopher Brightman, responsabile degli investimenti presso Research Affiliates, in un post apparso sul sito di Pimco.

I titoli azionari dei mercati in via di sviluppo rappresentano il 35% del Pimco All Asset Fund (PAAIX) e il 39% del Pimco All Asset All Authority (PAUIX) al 31 dicembre, sostiene Brightman.
I due fondi, gestiti da Rob Arnott che ha co-fondato Research Affiliates nel 2002, rappresentavano in totale un patrimonio di circa 29 miliardi di dollari alla fine di gennaio, come mostrano i dati raccolti da Bloomberg.

Brightman ha detto che le azioni dei mercati emergenti sono “estremamente convenienti”, dopo che l’indice di riferimento MSCI è sceso del 30% negli ultimi tre anni.

Egli ha sottolineato che la cosiddetta Shiller P/E Ratio, l’indice di valutazione basato sul rapporto prezzo/utili, è sceso a 10 nel mese di gennaio. Negli ultimi 25 anni è successo solo sei volte che il P/E Ratio scendesse a 10. Nei cinque anni successivi, le azioni hanno segnato un rialzo al 188%, a quanto dice Brightman, il quale ha gestito i fondi dell’Università della Virginia prima di passare ad Arnott’s Research Affiliates.

“Con il senno del poi, il bear market nei mercati emergenti è stato un brutto colpo”, ha scritto Brightman nel post. “Attualmente queste asset class, però, sono così vantaggiose che offrono il più alto rendimento potenziale all’investitore che oggi desidera approfittarne”.

L’indice MSCI dei mercati emergenti è sceso dello 0,1%, il suo livello più basso in sette anni. Lo stesso accade agli indici benchmark delle azioni cinesi, brasiliane e russe, che segnano un calo del prezzo d’acquisto.

Arnott, che ha sviluppato i due fondi per Pimco nel 2002 e nel 2003, ha contribuito a creare la cosiddetta indicizzazione “fondamentale”, progettata per limitare il rischio e battere i benchmark nel lungo periodo, favorendo gli asset sottovalutati.

L’approccio contrarian non ha avuto successo negli ultimi anni, anche perché il valore dei titoli dei paesi in via di sviluppo ha continuato a diminuire.
Al 27 febbraio, l’All Asset Fund, da 20 miliardi di dollari ha perso l’11% lo scorso anno, rispetto a un calo del 7% circa nell’indice S&P 500.

Nel post apparso su Pimco, Brightman ha detto che la recente sottoperformance delle azioni orientate al valore è stato un evento inusuale.
Le value stock hanno mantenuto i loro guadagni sopra il 5% ogni anno negli ultimi tre anni fino al 2015, un evento raro a partire dal 1997, secondo Brightman.

Quando è successo, le value stock relativamente più a buon mercato hanno registrato annualmente il 6,7% più rispetto alla crescita annuale delle azioni nei tre anni successivi.

Questa è la dimostrazione che, nel lungo periodo, i prezzi dei titoli tendono a convergere verso la media a lungo termine, una strategia perseguita dalla sua società, ha detto Brightman. E conclude:

“È la dimostrazione di un principio fondamentale della nostra filosofia di investimento: la più grande e persistente opportunità di investimento è la media di inversione a lungo termine”.

Argomenti:

Mercati Emergenti

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories