Mascherine FFP2: come riconoscere le migliori in commercio

Giorgia Bonamoneta

24 Gennaio 2022 - 22:57

condividi

Ci sono milioni di mascherine FFP2 in circolazione, ma alcune non sono valide e possono mettere in pericolo la salute. Per questo bisogna saperle riconoscere. Ecco come fare.

Mascherine FFP2: come riconoscere le migliori in commercio

Da due anni usiamo le mascherine come presidio di sicurezza per prevenire il contagio da coronavirus, in particolare ora sono diventate essenziali le mascherina FFP2, che sono un livello sopra quelle chirurgiche.

Dall’inizio della pandemia hanno circolato e sono state ritirare milioni di mascherine, alcune perché contraffatte e quindi non in grado di proteggere, ma che al contrario erano potenzialmente pericolose. È il caso delle mascherine FFP2 con una capacità di filtraggio inferiore al 94%. In alcuni casi verificati ed eliminati dal commercio, le mascherine riuscivano a filtrare appena il 20% delle particelle.

Per questo bisogna saper riconoscere le mascherine FFP2 migliori tra le tante in commercio, tra store fisici e digitali. Per capire se una mascherina è originale non basta un solo sguardo, neanche gli esperti ci riescono, bisogna utilizzare le varie certificazioni impresse sul prodotto stesso. Scopriamo come riconoscere le mascherine migliori.

Mascherine FFP2: come riconoscere quelle originali

Ci sono diverse aziende che producono mascherine, diverse delle quali sono all’estero. Il primo consiglio è sicuramente quello di acquistare prodotti italiani, per i quali il rischio di contraffazione è più basso perché i controlli avvengono anche negli stabilimenti e durante tutta la filiera.

Nel caso di un acquisto al buio, cioè di cui non si conosce il produttore, è importante controllare cosa c’è scritto sulla mascherina FFP2. Imparare a leggere e capire le scritte sulle mascherine permette di non farsi fregare. Ci sono comunque dei livelli di riconoscimento in base ai dettagli osservati.

In ogni caso non è il prezzo a decretare la qualità della mascherina, perché il costo varia in base al Paese di produzione. Al momento, inoltre, le mascherine FFP2 sono venduta a partire da 0,65 euro, un prezzo calmierato e deciso dal Governo per incentivare l’acquisto e l’utilizzo sui mezzi pubblici e nelle circostanze a maggior rischio di contagio.

Mascherine FFP2: i dettagli per capire se la mascherina è vera

Su ogni mascherina sono presenti cinque elementi distinti, “il più importante è il codice identificativo dell’organismo indipendente che rilascia la certificazione per l’immissione in commercio”. Lo ha spiegato Federico Pecoraro, vicedirettore del dipartimento laboratori di prova di Accredia, l’ente unico nazionale che si occupa di accreditare e verificare la competenza dei soggetti certificatori.

Per riconoscere le mascherine FFP2 originali, cioè quelle migliori da utilizzare come presidio di sicurezza e con una percentuale di bloccaggio delle particelle pari almeno al 94%, si devono seguire pochi e semplici passi. Infatti non è possibile capire a occhio nudo se si è davanti a una contraffazione, tanto che non ci riescono neanche gli esperti che lavorano in questo settore.

Per riconoscere le mascherine basta osservare la mascherina di tipo FFP2, questa deve possedere impressi:

  • la scritta che fa riferimento alla norma tecnica “EN 149:2001+A1:2009”;
  • il marchio che segnala il rispetto di direttive europee “CE”;
  • e a seguire un codice di 4 cifre che indicano l’organismo notificato;
  • trascritto chiaramente si deve leggere il tipo di mascherina (tipo FFP1, FFP2 o FFP3);
  • e infine l’identificativo del fabbricante.

L’assenza di anche solo uno di questi elementi vuol dire che la mascherina è contraffatta. In caso di dubbio bisogna controllare bene il marchio “CE”, facendo attenzione alla distanza tra le due lettere.

Infine, per essere sicuri del proprio acquisto si può controllare il codice di 4 cifre. Basta inserire i 4 numeri nella barra di ricerca dell’ente certificatore, cioè nel database internazionale, per sapere se il prodotto è a norma e se è stato verificato e accertato.

Argomenti

# Truffa

Iscriviti a Money.it