Quanto guadagna Messi al PSG: stipendio, patrimonio e proprietà della Pulce

Simone Micocci

11/08/2021

11/08/2021 - 23:12

condividi

Leo Messi è ufficialmente un nuovo calciatore del Paris Saint Germain. Per lui un contratto da 35 milioni di euro a stagione (più bonus vari).

Quanto guadagna Messi al PSG: stipendio, patrimonio e proprietà della Pulce

Se vi state chiedendo quanto guadagna Messi al Paris Saint Germain è presto detto: il fuoriclasse argentino torna a essere - dopo la breve parentesi in cui è stato svincolato - il giocatore più pagato al mondo, superando, di nuovo, Cristiano Ronaldo.

Messi è stato il calciatore più pagato al mondo fino al 31 giugno 2021: poi l’impossibilità di firmare il rinnovo di contratto con il Barcellona lo ha messo alla ricerca di una nuova avventura. Alla fine, dopo pochi giorni di attesa, è arrivata l’ufficialità del suo passaggio al PSG, dove il Presidente Nasser Al-Khelaïfi lo ha convinto con un ricco stipendio e un bonus alla firma, sottoscrivendo un contratto di due anni con opzione per il terzo.

E pensare che con il Barcellona un accordo economico - con netta riduzione dello stipendio ma con un prolungamento fino a cinque anni - era stato raggiunto, ma a causa del salary cap imposto dalla Liga non è stato possibile sottoscriverlo. Cosa succederà adesso? O meglio, quale sarà il nuovo stipendio di Leo Messi?

Quanto guadagna Leo Messi al Paris Saint Germain

È Le Parisien a svelare le cifre del nuovo contratto di Leo Messi. A Parigi Messi andrà a guadagnare 41 milioni di euro netti a stagione, superando ancora una volta Cristiano Ronaldo che dalla Juventus ne prende 31. A questo ingaggio bisogna poi aggiungere un bonus alla firma di 40 milioni di euro più altri bonus legati al raggiungimento di determinati risultati sportivi (immaginiamo che tra questi sia compresa la vittoria della Champions League, vero e proprio obiettivo stagionale per i transalpini).

Ricapitolando, Messi guadagnerà 41 milioni l’anno ossia circa:

  • 3,4 milioni al mese;
  • 797 mila euro a settimana;
  • 113 mila euro al giorno;
  • 4,7 mila euro l’ora;
  • 79 euro al minuto;
  • 1,30 euro al secondo.

E ancora: nel contratto è prevista anche una percentuale per lo sfruttamento di una parte dei diritti d’immagine, compresa la vendita delle maglie da gioco.

In due anni, quindi, Messi andrà a guadagnare 122 milioni di euro in due anni, con l’opzione per un terzo anno di contratto.

Quanto guadagnava Leo Messi al Barcellona

Nell’ultima stagione Leo Messi ha avuto un guadagno di 71 milioni lordi l’anno dal Barcellona. Questa la cifra ufficiale, ma secondo quanto svelato nei mesi scorsi dal quotidiano El Mundo, il rinnovo di contratto firmato nel 2017 gli ha riconosciuto cifre ben maggiori rispetto a quelle note.

Nel dettaglio, dal 2017 al 2021 Leo Messi avrebbe guadagnato una cifra astronomica: 555.237.619 euro in totale, ossia circa 139 milioni lordi a stagione. Merito di alcune “voci” di quell’accordo, come un premio alla firma di 115 milioni di euro più altri 80 milioni di euro di premio di fedeltà.

Cifre lontane da quelle che invece gli erano state proposte dal nuovo accordo. Il Barcellona, infatti, vive in una situazione di profonda difficoltà economica e d’ora in avanti dovrà attenersi a dei rigidi parametri di spesa se vuole rientrare nei parametri imposti da LaLiga.

Per questo motivo, a Lionel Messi era stato proposto quello che probabilmente potrà essere l’ultimo rinnovo di contratto della sua strepitosa carriera: un accordo di cinque anni (quando la Pulce avrà 39 anni) ma con un ingaggio dimezzato, intorno ai 30 milioni lordi l’anno. Di 600 milioni di euro la clausola rescissoria.

L’accordo era stato raggiunto, poi la rottura in quanto sembra che il Barcellona gli abbia chiesto un ulteriore taglio dell’ingaggio a causa delle regole del salary cap.

Leo Messi è uno degli sportivi più pagati al mondo grazie (anche) agli sponsor

Il nuovo accordo, anche se porta a una netta riduzione dello stipendio che gli veniva garantito dal Barcellona negli anni scorsi, non grava comunque sulle casse del fuoriclasse argentino.

Secondo la classifica Forbes degli sportivi più pagati al mondo, riferita al 2020, Lionel Messi è sul podio dei più ricchi: dietro solo a Conor McGregor, l’argentino solo nell’ultimo anno si è portato a casa ben 130 milioni, di cui 97 sul campo e il resto grazie agli sponsor.

In particolare, la sponsorship più importante è quella con Adidas, alla quale Messi è rimasto “fedele” fin dall’inizio della sua carriera. Un accordo che gli permette d’incassare circa 19 milioni di euro l’anno.

A questo brand si aggiungono anche Mastercard, il marchio di orologio Jacob & Co, Ooredoo (società qatariota di telecomunicazioni), l’azienda di birra Budweiser e la Technologies, un’azienda israeliana che produce visori che sfruttano l’intelligenza artificiale.

Accordi che - come rivelato da Forbes - permetteranno a Messi di superare nel 2021 lo storico traguardo del primo miliardo di dollari guadagnati, cifra che solo altri tre sportivi (Cristiano Ronaldo, Tiger Woods e Floyd Mayweather) per adesso sono riusciti a raggiungere.

Le proprietà di Leo Messi

Non che Leo Messi in questi anni sia stato lontano dagli investimenti. Recentemente, ad esempio, la Pulce si è interessata al mercato degli alberghi, acquistano un lussuoso hotel - l’MM Sitges - distante appena 40 km da Barcellona, del valore di 30 milioni di euro.

Insieme al padre è proprietario di Limeca, una avviata agenzia immobiliare, oltre a possedere in Argentina un circolo sportivo da oltre 80 ettari.

E ancora: una villa dove vive con tutta la sua famiglia, del valore di 6 milioni di euro, con vista sul Mar delle Baleari, e un parco auto che non ha nulla di meno di quello del suo rivale Cristiano Ronaldo. Questo ha un valore di 3,5 milioni di euro, con auto come una Pagani Zonda da 1,7 milioni di euro, una Maserati GranTurismo S da 113.000 euro e una Ferrari F43 Spider quotata 195.000 euro.

Argomenti

# Calcio

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.