Legge 104, non basta l’invalidità per il riconoscimento

Lorenzo Rubini

6 Maggio 2021 - 14:19

condividi
Legge 104, non basta l'invalidità per il riconoscimento

Molti sono gli invalidi che lamentano un mancato riconoscimento della legge 104 e proprio per questo motivo è da ricordare che la Legge 104 non è riconosciuta sull’invalidità civile ma sulle patologie.

Rispondiamo ad una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Buonasera,vi scrivo per informazioni in merito al permesso personale per la legge 104.
A novembre mi è stata diagnosticata la spondilite anchilosante per la quale devo fare ogni due settimane la chemioterapia biologica ed una volta al mese ho il controllo con il reumatologo che mi segue. Nei giorni in cui faccio la terapia biologica non sto molto bene, come potete immaginare...ed in più il controllo mensile mi costringe a prendere ferie o malattia che, nel mio contratto lavorativo, è pagata dal quarto giorno. Per questo ho ritenuto necessario fare richiesta del permesso della legge 104 per me stessa e visto anche che mi è stata riconosciuta un’invalidità del 60%,ci ho provato...ma mi è stata negata, ho rifatto domanda, inserendo anche tutte le «minime patologie»che ho..ma nulla...me l’hanno negata un’altra volta.
Ecco...la mia domanda è questa...perché mi viene negata? In un vostro articolo ho letto che possono usufruirne «persone con patologie che richiedono frequenti monitoraggi» e quindi ho pensato di scrivervi, ritenendo di poter fare parte di questa categoria.
In attesa di una vostra risposta vi ringrazio e porgo cordiali saluti,”

Mancato riconoscimento legge 104

Una cosa da premettere è che l’invalidità civile e la legge 104 si basano su requisiti differente: l’invalidità civile, infatti, viene riconosciuta sulla riduzione della capacità lavorativa del soggetto mentre la legge 104 viene riconosciuta in base al livello di handicap, ovvero sulla riduzione della capacità del soggetto di interagire con l’ambiente sociale.

Da questo, quindi, appare chiaro che un invalido al 100% potrebbe non vedersi riconoscere la legge 104 mentre la stessa potrebbe venir riconosciuta a chi invalido non è. Proprio perché, le due cose si basano su concetti differenti.

La legge 104 è il riferimento normativo a cui ci si deve rifare «per l’assistenza, l’integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate». Persone con handicap, quindi, e non invalidi in generale.

Per aver diritto alla legge 104, quindi, la commissione medica deve accertare l’handicap che, ripetiamo, è ben distinto dal riconoscimento dell’invalidità civile. L’handicap sottolinea quelle che possono essere le ripercussioni sociali che il soggetto ha a causa della sua minorazione.

Mentre per l’invalidità civile, quindi, esistono delle tabelle di riferimento per le patologie, per la legge 104 non esistono tabelle visto che la valutazione dell’handicap riguarda solo ed unicamente il contesto sociale dell’interessato e non può, in nessun caso, essere generalizzata.

Per rispondere alla sua domanda, quindi, è possibile che non le sia stata riconosciuta la legge 104 perché la commissione medica che l’ha esaminata ha ritenuto che le patologie che ha, pur portandole una invalidità civile per la riduzione delle capacità lavorative, non le procurano un handicap (ovvero non ha ripercussioni sociali a causa delle patologie).

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti a Money.it