Lavoro notturno: per essere considerato usurante serve la turnazione?

Lorenzo Rubini

15 Dicembre 2020 - 14:23

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Coloro che svolgono lavoro notturno sono considerati lavoratori usuranti se rispettano determinate condizioni.

Lavoro notturno: per essere considerato usurante serve la turnazione?

I lavoratori usuranti, cos’ come quelli gravosi, se in possesso di almeno 12 mesi di contributi versati prima del compimento dei 19 anni di età, possono accedere alla pensione con la quota 41 precoci. Tra i lavori usuranti è ricompreso anche il lavoro notturno, ma solo se rispetta specifiche condizioni.

Rispondiamo ad un lettore di Money.it che ci scrive:

“Buongiorno vorrei un chiarimento riguardo alla possibilità di accedere alla pensione riguardante i lavoratori precoci. Ho 56 anni con 39 anni di contributi di cui 15 mesi versati prima dei 19 anni di età (requisito per i lavoratori precoci)attualmente svolgo sempre per la stessa azienda il mio lavoro (benzinaio autostradale)SOLO di NOTTE(senza turnazione)dalle 22 alle 06 tutto l’anno .Posso accedere alla pensione con quota 41 indipendentemente dall’età riservata ai lavoratori precoci e usuranti o come sospetto il lavoro notturno deve essere svolto su turnazione?La ringrazio anticipatamente. ”

Lavoro notturno usurante

Nel lavoro usurante notturno rientrano sia coloro che lavorano di notte su turni che coloro che lavorano di notte tutto l’anno. Vediamo nello specifico.

Nel particolare il lavoro notturno usurante viene riconosciuto a:

  • lavoratori a turni che svolgano la propria attività lavorativa almeno 6 ore nell’intervallo compreso tra la mezzanotte e le cinque del mattino per almeno 78 giorni l’anno se i requisiti per l’accesso alla pensione anticipata sono stati raggiunti entro il 30 giugno 2009 e per almeno 64 notti l’anno se i requisiti sono stati raggiunti dopo;
  • i lavoratori che prestano il proprio servizio per almeno 3 ore nell’intervallo tra la mezzanotte e le cinque del mattino per la durata dell’intero anno lavorativo.

Come può vedere, quindi, il lavoro usurante notturno non viene riconosciuto solo a chi lavora di notte su turni ma anche a chi lavora sempre di notte. Cosa fondamentale, però, è che il lavoro notturno, tramite specifica procedura, venga attestato dal datore di lavoro con il modello Lav-Us annualmente.

In ogni caso è necessario, al momento della presentazione della domanda di pensione allegare il contratto di lavoro da cui risulti lo svolgimento del lavoro notturno e le buste paga del periodo di riferimento.

Può, quindi, accedere alla pensione precoci come lavoratore usurante non appena matura i 41 anni di contributi.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Argomenti

Iscriviti alla newsletter

Money Stories