L’educazione finanziaria in Italia: il gender gap e il punto della situazione

Andrea Mercanti

9 Dicembre 2021 - 14:23

condividi

In Italia le donne hanno un livello di alfabetizzazione finanziaria che sfiora quello degli uomini. La vera differenza risiede però nell’aspetto emotivo, nella fragilità finanziaria e nell’incertezza.

L'educazione finanziaria in Italia: il gender gap e il punto della situazione

Analizzando l’indagine della Banca d’Italia sull’alfabetizzazione finanziaria degli italiani - testo completo “L’alfabetizzazione finanziaria degli italiani: i risultati dell’indagine della Banca d’Italia del 2020” - e il lavoro condotto dall’istituto di ricerca DOXA incaricato dal Comitato Edufin - testo completo “Emergenza Covid-19: gli italiani tra fragilità e resilienza finanziaria” - emerge che il gender gap in Italia c’è, ma non è poi così evidente: su un totale di 21 punti relativi alle risposte a un questionario, i partecipanti di sesso maschile totalizzano 11,4 punti contro gli 11 punti totalizzati dalle partecipanti di sesso femminile.

Le criticità di genere non riguardano pertanto il livello di alfabetizzazione finanziaria, dove le differenze non risultano notevoli - anche se il livello complessivo è comunque piuttosto basso, perché l’Italia si classifica in 25esima posizione su 26 Paesi considerati - quanto piuttosto l’emotività delle scelte, la fragilità finanziaria, l’incertezza, la resilienza finanziaria e l’ansia finanziaria. Le donne emergono più emotive, fragili e insicure, in materia di educazione finanziaria, rispetto agli uomini.

Ecco un’infografica che mostra tutte le evidenze raccolte:

A che punto siamo con l'educazione finanziaria? A che punto siamo con l’educazione finanziaria? Fonte: Money.it

Per saperne di più sull’argomento leggi l’articolo completo: L’educazione finanziaria in Italia e il gender gap: a che punto siamo?

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Inserisci questa INFOGRAFICA nel tuo sito

Copia il codice qui sotto e incollalo sul tuo sito o sul tuo blog.

Iscriviti a Money.it