L’Italia firma la dichiarazione sullo sviluppo della Blockchain

L’Italia ha firmato la dichiarazione sullo sviluppo della tecnologia Blockchain. Tutti i dettagli

L'Italia firma la dichiarazione sullo sviluppo della Blockchain

Nel corso dell’ultima riunione dell’Eurogruppo a Bruxelles l’Italia ha sottoscritto una dichiarazione congiunta sullo sviluppo della Blockchain, insieme agli altri Paesi dell’Europa meridionale facenti parte del MED7, il gruppo costituito da Italia, Spagna, Francia, Malta, Cipro, Grecia e Portogallo.

Nella dichiarazione si pone l’accento sulle tecnologie emergenti, come quelle basate sui registri distribuiti, il 5G, l’intelligenza artificiale e la cd. “internet delle cose”, quali motori dello sviluppo e del miglioramento delle condizioni di vita dei Paesi del Sud Europa, caratterizzati da un enorme potenziale in termini di crescita nel settore digitale.

Nel documento si evince come le Distributed Ledger Technologies (DLT), cioè le tecnologie basate su registri distribuiti come la Blockchain, possano assumere un ruolo fondamentale in molti ambiti, quali la certificazione dell’origine dei prodotti, l’istruzione, la mobilità o la sanità, tanto per citarne alcuni.

Per di più tutti i Paesi firmatari sono concordi nel ritenere che le DLT siano strumenti in grado di determinare maggiore trasparenza, responsabilità e riservatezza per i cittadini, dando loro il potere di controllare direttamente i propri dati personali.

“Il nostro impegno è rivolto a rendere l’Italia un Paese leader nello sviluppo e nella sperimentazione della Blockchain, nel bacino Mediterraneo e in Europa. Al Ministero dello Sviluppo Economico abbiamo avviato delle sperimentazioni per la tutela del Made in Italy. I fondi stanziati con la legge di bilancio rafforzeranno queste sperimentazioni che accompagniamo con la creazione di una prima cornice giuridica di riferimento per la tecnologia Blockchain”,

ha dichiarato il Ministro dello Sviluppo Economico Luigi Di Maio.

L’obiettivo congiunto è quello di estendere la cooperazione su progetti transfrontalieri sulla tecnologie basate su registri distribuiti anche a Paesi terzi sulla sponda meridionale del bacino del Mediterraneo.

In tal senso il gruppo dei MED7 si è impegnato a tenere riunioni periodiche a livello tecnico per la condivisione di best practice sull’applicazione delle tecnologie DLT, in coordinamento con l’European Blockchain Partnership, il partenariato europeo per lo sviluppo delle tecnologie Blockchain lanciato lo scorso aprile da 22 Paesi Membri dell’UE a cui l’Italia ha aderito a settembre.

Dichiarazione MED7 su Blockchain
Dichiarazione ministeriale dei Paesi dell’Europa meridionale su Blockchain e tecnologie basate su registri distribuiti

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Blockchain

Argomenti:

Blockchain Italia

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.