Italia: quando si rimetterà in piedi davvero? Parla S&P

L’Italia riuscirà a rimettersi in sesto e la produttività del Belpaese tornerà ai livelli pre-crisi. Sì, ma quando? Le previsioni di S&P.

Italia: la gelata di S&P - Quanto manca ancora all’Italia per tornare ai livelli pre-crisi? Ancora molto, secondo S&P.

La gelata di S&P sull’economia dell’Italia arriva dopo i positivi risultati sulla crescita registrata dal Belpaese nel terzo trimestre dell’anno. L’Italia non è ancora guarita secondo S&P, e per tornare ai livelli pre-crisi bisognerà attendere ancora 10 anni.

Le parole di S&P sulla crescita economica e produttiva dell’Italia arrivano dopo che la Commissione Europea ha rimandato l’approvazione della legge di bilancio al 2017 in quanto rischia di violare le regole sancite dal Patto di Stabilità.

Ti potrebbe interessare anche: Commissione Europea sui budget 2017: ecco i promossi e i bocciati

Bisognerà aspettare ancora diversi anni per lasciarsi alle spalle gli strascichi della crisi economica, secondo S&P. Vediamo allora quali sono state le parole e gli avvertimenti dell’agenzia di rating nei confronti dell’Italia.

Italia fanalino di coda in Europa: parla S&P

Come ha fatto notare S&P, l’Italia è cresciuta solo dell’1,6% negli ultimi due anni e mezzo, il che la rende il fanalino di coda di un’Europa che nello stesso periodo è invece cresciuta più del 5%. Dal punto di vista della produttività, inoltre, S&P ha fatto notare come l’Italia sia stata l’unico paese a non aver registrato aumenti dal 2000 ad oggi.

Il giudizio dell’agenzia di rating non si è nascosto dietro a un dito. A pesare, secondo S&P, è stato anche il fardello referendum costituzionale che si terrà il 4 dicembre prossimo. L’incertezza sull’esito, oltre che a influenzare lo spread secondo Renzi, si sta anche riversando sull’economia d’Italia.

Italia: ecco quando tornerà in piedi secondo S&P

Neanche le previsioni sul futuro economico dell’Italia sono state positive. S&P ha infatti affermato che il Belpaese riuscirà a rimettersi in sesto, e dunque riuscirà a tornare ai livelli di produzione pre-crisi solo tra il 2020 e il 2030. E nel breve periodo?

Per quanto riguarda il biennio 2016-2018, S&P ha previsto che l’economia italiana continuerà a segnare una bassa crescita, addirittura inferiore all’1% annuo. Il tutto a causa di una produttività depressa e a causa del clima di incertezza che aleggia attorno al referendum costituzionale. La fiducia delle piccole e medie imprese è a rischio nel breve periodo e ciò avrà ripercussioni sulla produttività del paese. Insomma, per tornare ai livelli pre-crisi, l’Italia dovrà attendere come minimo altri 10 anni.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.