Il Noleggio a Lungo Termine tra online e innovazione. Intervista ad Alberto Cassone di Hurry

L’innovazione è un elemento essenziale per qualsiasi settore, per quello auto lo è ancora di più. Ne abbiamo parlato con Alberto Cassone di Hurry, vera eccellenza del mercato.

Il Noleggio a Lungo Termine tra online e innovazione. Intervista ad Alberto Cassone di Hurry

Il mercato auto sta tirando il fiato in questa prima metà dell’anno, confermando un trend già iniziato nel 2018. Il segno meno non risparmia nessun canale, ma in un quadro generale che vede le immatricolazioni calare del 3,8% nei primi cinque mesi dell’anno - secondo i dati pubblicati da Dataforce - il Noleggio a Lungo Termine limita il negativo allo 1,59%.

Segnali di vitalità da un settore nel quale sono in molti a riporre le speranze, ma che ha bisogno di innovazione per andare ad intercettare le esigenze di una platea di potenziali clienti passata in pochi anni dal contemplare solo aziende e partite IVA all’espansione vero i clienti privati. I consumatori, per essere più chiari.

Ma cosa significa esattamente fare innovazione in un settore che negli ultimi anni si è fatto molto affollato e che rimane ancorato alle vecchie logiche B2B? Lo abbiamo chiesto ad Alberto Cassone, presidente di Hurry, azienda tra le prima ad avvicinare il Noleggio a Lungo Termine ai clienti privati e che oggi si distingue per l’impegno nell’innovare la mobilità consumer.

Chi è Hurry, e perché un automobilista dovrebbe scegliere la sua prossima auto sulla vostra piattaforma?

Hurry nasce nel 2014 con l’obiettivo di scardinare il concetto di proprietà dell’auto, che allora sembrava ancora culturalmente invalicabile. Per farlo, abbiamo deciso su puntare sulla partnership con ALD Automotive - uno dei principali player del Noleggio a Lungo Termine - per offrire attraverso un portale e-commerce formule di mobilità in noleggio in grado di attrarre anche i consumatori, lontani dalle logiche imperanti nel NLT rivolte - allora - principalmente alle aziende medio-grandi.

Un esempio tangibile di servizi innovativi di Noleggio a Lungo Termine che abbiamo iniziato a proporre è Ricaricar, una formula “pay per use” nella quale l’automobilista paga solo i chilometri che percorre effettivamente. Oppure 2Life, che prevede il noleggio di auto usate ma in perfette condizioni. Tutto questo ci ha permesso di passare in pochi anni dall’essere una start-up all’essere una giovane azienda in forte crescita.

Perché avete puntato in particolare sul Noleggio a Lungo Termine per privati?

Hurry ha puntato fin da subito sull’online e siamo stati i primi a pubblicare online le offerte di Noleggio a Lungo Termine dedicate specificatamente ai clienti privati. Lo abbiamo fatto perché crediamo che sia il tipo di utente più sensibile alla possibilità di digitalizzare l’esperienza d’acquisto, che si trasforma da “fisica” a “online”.

Meno vincolato alle procedure decisionali tipiche delle aziende - soprattutto di quelle più grandi - il consumatore apprezza molto la semplicità del processo d’acquisto online che trova sull’e-commerciale di Hurry. A breve implementeremo l’ultimo step: la digitalizzazione della gestione documentale necessaria alla sottoscrizione del contratto.

L’altro prodotto-chiave di Hurry è l’usato. Cosa trovano gli utenti di Hurry sul portale e-commerce?

Quello delle auto usate è un ramo che ci sta dando grandi soddisfazioni. Vendere l’usato online non è una cosa facile perché subentrano diffidenza e timori che il prodotto non sia quello descritto. In Hurry abbiamo superato questi scogli puntando sulla trasparenza, sulla sicurezza e su una forte leva prezzo.

Hurry propone una selezione di auto usate di provenienza ALD Automotive con 36/48 mesi di vita e una percorrenza massima di circa 90.000 km. Sul nostro e-commerce ogni auto è corredata di un corposo book fotografico che include anche il libretto di circolazione.

Nessuna sorpresa, dunque. Il processo d’acquisto online tutela la sicurezza dei nostri clienti e offriamo la possibilità di reso della vettura usata entro 14 giorni e 500 km dall’acquisto. Per quanto riguarda il prezzo, quello del nostro usato si colloca senza dubbio come uno dei più convenienti, anche in rapporto alla qualità dei veicoli.

Un paio di considerazioni sul mercato auto: cosa vi aspettate dal 2019? E come vede la mobilità nei prossimi anni?

I primi cinque mesi del 2019 riflettono l’andamento del 2018, con il mercato auto italiano in fase di flessione. Non un crollo, quanto piuttosto un riflesso della corsa degli ultimi anni e delle incertezze innescate dai cambiamenti normativi e fiscali in via di definizione. Ma credo che già nella seconda parte del 2019 assisteremo ad una ripresa.

Quanto al futuro, vedo il Noleggio a Lungo Termine in espansione, perché grazie a forme sempre più flessibili e personalizzabili riuscirà a rispondere meglio alle diverse esigenze di mobilità, sia in chiave business che in chiave consumer. Per questo è fondamentale l’innovazione, che passa attraverso lo sviluppo continuo dei servizi offerti e delle modalità di erogazione.

Iscriviti alla newsletter Motori per ricevere le news su Noleggio auto

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.