Abilitazione insegnanti in Spagna: come funziona, costi e riconoscimento del MIUR

Simone Micocci

14/03/2017

14/03/2017 - 15:50

condividi
Facebook
twitter whatsapp

L’abilitazione all’insegnamento conseguita in Spagna è riconosciuta in Italia? Come specificato dal MIUR, solo alcune abilitazioni spagnole sono valide nel nostro Paese. Ecco tutto quello che dovete sapere per non rischiare di essere truffati.

Insegnanti: come abilitarsi in Spagna?

Presto in Italia cambieranno le norme per il reclutamento insegnanti. Dopo la pubblicazione del bando per il TFA III Ciclo, infatti, entreranno in vigore le nuove regole per diventare insegnanti: ci sarà un concorso aperto solo ai nuovi laureati, o a coloro che hanno conseguito i 28 CFU necessari, e chi lo vincerà avrà accesso ad un tirocinio triennale nelle scuole. Alla fine del tirocinio per gli insegnanti ci sarà l’accesso al ruolo.

Al momento la delega che riforma il reclutamento degli insegnanti è in esame in Parlamento, ma entro la fine di marzo ci sarà l’approvazione da parte del Consiglio dei Ministri.

Quindi, per i laureati di vecchia data non abilitati sarà più complesso diventare insegnanti, a meno che questi non decidano di tornare all’Università e conseguire i CFU mancanti.

Ma c’è anche un’altra soluzione, quella di prendere l’abilitazione in Spagna.

Infatti, grazie alla normativa comunitaria è possibile abilitarsi all’insegnamento in Spagna, frequentando il Master en Formación del Profesorado, per poi richiedere al MIUR il riconoscimento della formazione ed ottenere la tanto desiderata abilitazione.

Negli ultimi anni, vista la difficoltà di abilitarsi in Italia, molti insegnanti hanno scelto di partire per la Spagna per conseguire il titolo abilitante nella penisola iberica. Infatti in Spagna è più semplice abilitarsi, anche se i costi da sostenere sono più alti rispetto a quelli italiani.

Il MIUR in più di un’occasione ha ricordato che l’abilitazione spagnola viene riconosciuta in Italia solamente nel caso in cui persistano determinate condizioni, quindi se state pensando di prendere l’abilitazione in Spagna approfittando del supporto offerto da un agenzia presente sul web vi consigliamo di continuare a leggere.

Di seguito infatti trovate tutte le informazioni su come prendere l’abilitazione da insegnanti in Spagna, compresi costi e modalità.

Come prendere l’abilitazione da insegnante in Spagna?

In Spagna per poter prendere l’abilitazione da insegnante è necessario aver frequentato il Master de Formación del Profesorado de Secundaria presso una delle Università spagnole. Tuttavia, gli insegnanti che durante la formazione accademica abbiano partecipato a dei corsi di docenza, o che abbiano totalizzato almeno 12 mesi di insegnamento presso delle strutture secondarie (pubbliche e privati), non devono sostenere questo Master.

Questo però vale per gli insegnanti spagnoli; e gli italiani? Se un docente italiano vuole prendere l’abilitazione in Spagna deve chiedere, e ottenere, l’omologazione del proprio titolo di laurea.

Successivamente deve frequentare un corso di lingua spagnola di livello pari o superiore al B1 ottenendo il certificato che attesta la conoscenza della lingua. A questo punto dovrà chiedere informazioni per l’iscrizione al Master all’Università in cui intende prendere l’abilitazione.

La durata complessiva del master è di 8 mesi mentre il costo del titolo è di circa 3.000 euro, a cui vanno aggiunti circa altri 2.000 euro per le spese burocratiche e per il corso in lingua. Le lezioni del Master sono tutte in spagnolo, mentre l’esame finale è uguale per tutti. Infatti, non c’è alcuna distinzione per le materie che i docenti andranno ad insegnare nella scuola.

Nel dettaglio, gli insegnanti che intendono abilitarsi in Spagna alla fine del Master dovranno rispondere ad un test a risposta multipla.

Dopo aver conseguito l’abilitazione l’insegnante dovrà richiedere il riconoscimento del titolo anche in Italia. Tuttavia, così come avviene per gli avvocati abilitati in Spagna, la procedura per il riconoscimento è molto lunga e possono passare molti anni per portarle tutte a termine.

Inoltre, non tutti i titoli vengono riconosciuti dal MIUR. Infatti, il Ministero per la Pubblica Amministrazione ha posto alcune condizioni affinché l’abilitazione spagnola sia valida anche per l’Italia.

Abilitazione insegnanti in Spagna, MIUR: ecco quando è riconosciuta

Come avete appena visto, le procedure per prendere l’abilitazione in Spagna sono lunghe e complicate. Tuttavia, vista l’assenza del numero chiuso e la facilità dell’esame finale, molti insegnanti italiani scelgono di abilitarsi in Spagna.

A tal proposito ci sono molte agenzie che promettono ai docenti di seguirli in questo percorso tortuoso, occupandosi sia dell’omologazione del titolo che dell’iscrizione al Master e del riconoscimento dell’abilitazione. Spesso il prezzo chiesto da queste agenzie è di circa 10.000 euro e molte di loro promettono al docente di fargli conseguire l’abilitazione spagnola anche dall’Italia, tramite la frequenza di corsi online.

Attenzione però, perché si tratta di una truffa. Infatti, il MIUR ha specificato che potranno essere riconosciute solamente quelle abilitazioni conseguite dopo aver:

  • frequentato i corsi del Master in un’Università spagnola;
  • superato l’esame finale sostenuto in Spagna;
  • completato il tirocinio in Spagna.

Infatti, il MIUR ha ricordato che non è stato raggiunto nessun accordo con il Ministero dell’Educazione spagnolo per la legittimazione di tirocini formativi svolti in Italia. Inoltre, bisogna precisare che in Spagna il tirocinio non si potrà svolgere in qualsiasi scuola, ma solo in uno di quegli istituti designati e autorizzati dall’Università nella quale si segue il Master. Gli stessi tutor che vi affiancheranno nel corso del tirocinio, infatti, devono essere competenti e autorizzati a svolgere questo ruolo.

Quindi, nonostante il MIUR, come previsto dalla Direttiva comunitaria 2005/36 sulle formazioni professione, riconosca le abilitazioni regolarmente conseguite in Spagna, non prenderà in considerazione i titoli che presentano alcune incongruenze come quelle appena indicate.

Argomenti

# Scuola

Iscriviti alla newsletter