Infettare volontari con coronavirus per rapido sviluppo del vaccino: l’appello degli scienziati

15 Premi Nobel e un altro centinaio di scienziati chiedono l’autorizzazione dei test del vaccino anti-COVID-19 sui volontari, che andrebbero infettati in situazione controllata

Infettare volontari con coronavirus per rapido sviluppo del vaccino: l'appello degli scienziati

Infettare volontari sani con il coronavirus per scoprire se i vaccini contro la COVID-19 funzionano davvero. È questo l’appello di oltre 100 scienziati, di cui 15 premi Nobel, che hanno rinnovato una proposta che sembra, di primo acchito, provocatoria. Ma è questo il modo, secondo una parte della comunità scientifica, per trovare più rapidamente un vaccino efficace contro il virus protagonista dell’attuale pandemia globale e quindi salvare migliaia di vite.

Una mossa del genere solleva però diversi dubbi etici, che dovranno necessariamente essere discussi.

Appello degli scienziati USA per accelerare sviluppo vaccino

I 125 scienziati hanno firmato una lettera aperta al dottor Francis Collins, direttore del National Institutes of Health (NIH), agenzia che controlla i CDC (centri per il controllo delle malattie) degli Stati Uniti.

Nella lettera gli scienziati ripropongono un appello già fatto nei mesi scorsi (e ripreso da Burioni) per “infettare volontari per accelerare la ricerca di un vaccino sicuro ed efficace contro COVID-19”. Al momento sono 23 i candidati vaccini contro il coronavirus sottoposti a test in laboratori di tutto il mondo.

Vaccino coronavirus, scienziati chiedono sperimentazione su umani

L’ardito approccio (almeno dal punto di vista etico) prevede di esporre al virus dei volontari, sottoporli a un vaccino sperimentale, e quindi seguire il gruppo nei mesi per verificarne le condizioni di salute ed eventuale immunità al coronavirus. Questo tipo di test viene definito “challenge trial”.

Gli scienziati reputano che i benefici dei challenge trial superino i rischi, e dunque fanno appello al governo statunitense affinché li autorizzi.

I challenge trial possono accelerare efficacemente e in sicurezza il processo di sviluppo del vaccino, ci sono formidabili prove in favore del loro uso, che richiederebbero di superare una giustificazione etica molto ragionevole”, ha scritto l’organizzazione 1 Day Sooner, che promuove i test sugli umani.

Secondo il direttore del programma per il vaccino anti-COVID-19 della Oxford University, “i test umani forniscono informazioni molto più velocemente dei test di efficacia, che richiedono mesi di più”.

Argomenti:

Vaccino Coronavirus

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories