Sponsorizzato

Il 2023 sarà l’anno dei mercati emergenti? Le previsioni

Redazione Investimenti

13/01/2023

13/01/2023 - 11:57

condividi

Per i Paesi emergenti si prevede un anno intenso e ricco di sfide: nel 2023 ci sarà una svolta per queste economie in sofferenza per tassi elevati e dollaro forte? Tutti i fattori da osservare.

Il 2023 sarà l'anno dei mercati emergenti? Le previsioni

Mercati emergenti: che anno sarà il 2023?

Sono stati 12 mesi difficili per queste economie, che hanno visto più Governi fallire, valute sofferenti e perdite a due cifre in azioni e obbligazioni, anche se molti investitori sono ottimisti sul fatto che l’anno prossimo potrebbe portare alcune gradite sorprese.

I mercati emergenti potrebbero trarre vantaggio da entrambi i protagonisti dell’economia globale: gli Stati Uniti, dove i tassi di interesse potrebbero raggiungere un picco, indebolendo un dollaro storicamente forte, e la Cina, che si riprende dalla crescita più lenta degli ultimi decenni.

Per prevedere cosa accadrà ai mercati emergenti nel 2023 ci sono anche altri fattori da considerare: le analisi degli esperti.

I mercati emergenti si riprenderanno nel 2023?

La risposta dipende da una serie d’intricate questioni geopolitiche oltre a metriche tradizionali come gli utili societari. La Cina, che rappresenta circa un terzo di alcuni indici dei mercati emergenti, si riprenderà dalle restrizioni dovute alla pandemia e riportare la crescita in carreggiata? Il dollaro USA continuerà a salire, aumentando i costi d’importazione nelle economie dipendenti dalle materie prime? La pace tornerà in Ucraina, mettendo la Russia sulla strada per partecipare ancora una volta al commercio globale?

Alcuni analisti prevedono un rimbalzo dei mercati emergenti nel 2023 dopo un anno difficile pieno d’incertezza geopolitica ed economica. Analizziamo i contesti dei Paesi emergenti più impattanti per comprendere cosa aspettarsi nel 2023.

Cina

Quest’anno la Cina ha svolto un ruolo importante nel declino del valore degli asset dei mercati emergenti, in quanto rappresenta quasi un terzo della capitalizzazione di mercato di molti indici dei mercati emergenti. L’OCSE ha aumentato la sua stima di crescita per la Cina al 4,6% rispetto al 3,3% nel 2022.
La politica anti-COVID della Cina ha portato a frequenti blocchi, spesso d’intere città con breve preavviso, ostacolando fortemente la crescita economica. Le proteste a livello nazionale hanno causato un aumento dell’incertezza degli investitori. Inoltre, la stretta sui titoli tecnologici e la crisi del settore immobiliare hanno ulteriormente pesato sulla crescita della nazione, un tempo apparentemente inarrestabile.
Secondo una recente ricerca di Morgan Stanley, la Cina metterà le proprie priorità politiche in secondo piano, per concentrarsi sull’economia e cercare una riapertura al fine di aumentare i consumi interni. La ripresa della crescita economica sarebbe inoltre favorita dalla stretta più leggera dell’inflazione rispetto agli altri paesi.

Brasile

Il Brasile ha vissuto momenti di incertezza politica, con il passaggio dal presidente Jair Bolsonaro al più socialista Luis Inácio Lula da Silva. Quest’ultimo si è trovato a dover affrontare una serie di sfide economiche che potrebbero costringerlo a fare alcune scelte difficili. Il suo predecessore, Bolsonaro, ha introdotto varie misure di spesa e sussidi per il carburante per cercare di arginare l’effetto dell’aumento dei prezzi in seguito al conflitto tra Russia e Ucraina. Il mantenimento di queste misure potrebbe mettere in pericolo il valore reale, mentre eliminarle potrebbe rallentare l’economia e causare un impennata dell’inflazione.

Una nota positiva: l’aumento del prezzo delle materie prime, tra le principali esportazioni della nazione, ha contribuito a produrre una crescita economica annua stimata del 2,8% quest’anno.
Da Silva sembra voler puntare sul ruolo centrale del governo nella gestione e regolamentazione dell’economia, utilizzando le banche pubbliche per stimolare l’economia e rallentando o arrestando la privatizzazione dell’industria statale. Allo stesso tempo, la preoccupazione per una recessione globale sta risultando in un calo progressivo dei prezzi delle materie, motivo per cui l’OCSE afferma che la crescita rallenterà a solo l’1,2% nel 2023.

Russia

La Russia si è effettivamente ritirata dall’economia globale quando ha invaso l’Ucraina nel febbraio 2022 e l’Occidente ha risposto con sanzioni di vasta portata e un esodo di aziende. All’inizio di novembre, il Dipartimento del Commercio degli Stati Uniti ha designato la Russia come «economia non di mercato». Il massiccio dirottamento di risorse verso la guerra ha avuto un impatto economico, con una contrazione del PIL nel 2022 che probabilmente si rifletterà anche nel 2023.

Anche le azioni russe hanno subito un duro colpo. Con il presidente russo Vladimir Putin che non mostra segni di cedimento nella sua guerra contro l’Ucraina, è probabile che il 2023 vedrà pochi miglioramenti per l’economia assediata della Russia.

India

L’economia indiana, colpita duramente dalla pandemia, si è ripresa abbastanza rapidamente: la crescita si è arrestata a metà del 2022 a causa delle scarse precipitazioni che hanno danneggiato il settore agricolo, fondamentale per il paese. I consumatori sono diventati più cauti riguardo agli acquisti non essenziali poiché i prezzi di cibo ed energia sono aumentati, frenando ulteriormente la domanda.
Nonostante le sfide, l’OCSE prevede che l’India sarà la seconda economia in più rapida crescita nel G20 nel 2023 grazie a una probabile riduzione della spesa pubblica e all’allentamento dell’inflazione importata.

Sud Africa

L’economia sudafricana è tornata ai livelli di crescita pre-pandemia all’inizio del 2022, trainata in gran parte dall’aumento dei consumi delle famiglie e dalla maggiore domanda di esportazioni di materie prime. Poi, la crescita si è arrestata quando le inondazioni primaverili hanno causato la chiusura di varie fabbriche ed estese interruzioni di elettricità, che hanno danneggiato l’attività mineraria, manifatturiera e persino l’agricoltura. La fiducia delle imprese è crollata.

L’OCSE prevede che i consumi privati ​​rimbalzeranno e che gli investimenti privati ​​aumenteranno man mano che le aziende sostituiranno i beni strumentali obsoleti. Una scissione pianificata della compagnia elettrica nazionale che consentirà a nuove società di entrare nel mercato potrebbe facilitare le interruzioni di corrente. Un rimbalzo del turismo internazionale potrebbe fornire ulteriore sollievo.

Turchia

In Turchia, il presidente Tayyip Erdogan potrebbe affrontare la più grande sfida politica dei suoi due decenni al potere, mentre i turchi si recano alle urne nel voto di maggiore spicco nei mercati emergenti.

Il Paese ha affrontato l’aumento del costo della vita e il crollo della valuta, con la lira che negli ultimi giorni è scesa a un minimo storico rispetto al dollaro. Anni di politica monetaria non ortodossa (taglio dei tassi con inflazione record) hanno visto molti investitori tagliare l’esposizione alle attività del Paese. Un cambio di leadership potrebbe segnare una svolta.

“Questa è potenzialmente la storia più interessante del 2023, in un modo o nell’altro”, ha affermato David Hauner, responsabile di EM Cross-Asset Strategy & Economics, EMEA, Bank of America Global Research.

Fed e tassi di interesse: l’impatto sui mercati emergenti nel 2023

Un rallentamento degli aumenti dei tassi di interesse negli Stati Uniti e in altre principali economie potrebbe porre le basi per una ripresa dei mercati emergenti nel 2023, con un dollaro più debole e un’inflazione in calo che forniranno il sollievo tanto atteso.

Un pivot della Federal Reserve, nello specifico, dovrebbe stimolare le valute e le obbligazioni dei mercati emergenti, afferma Michael Arno, analista globale del reddito fisso presso Brandywine Global Investment.

Scommette sulle valute della Thailandia e dell’Indonesia, che trarrebbero vantaggio anche dal rinnovato turismo cinese, e sui titoli sovrani della Colombia, che secondo lui hanno reagito in modo eccessivo all’elezione del presidente di sinistra Gustavo Petro.

Recessione nei Paesi emergenti?

Si prevede che le economie in via di sviluppo manterranno il loro differenziale di crescita rispetto ai pari sviluppati, ma i timori di recessione negli Stati Uniti e in Europa stanno gettando un’ombra sui mercati globali in generale, soprattutto nella prima metà dell’anno.

“Le recessioni economiche insieme all’aggressiva stretta monetaria e agli shock geopolitici e delle materie prime che le provocano saranno temporaneamente dolorose nei mercati finanziari ed emergenti”, ha affermato David Folkerts-Landau, di Deutsche Bank.

La ripresa potrebbe essere ritardata se le banche centrali emergenti non avessero spazio per abbassare i tassi di interesse per la maggior parte dell’anno.

Il peso dell’incognita della guerra

L’invasione russa dell’Ucraina ha sconvolto i mercati e l’economia mondiale e il modo in cui la guerra si evolverà nel 2023 avrà un peso, sia che si tratti di una continuazione, di un’escalation o di un progresso verso la ricerca di una soluzione.

A livello globale, la guerra ha trasformato i mercati dell’energia e le pressioni inflazionistiche, la sicurezza alimentare e la percezione del rischio geopolitico, fattori spesso più sentiti nelle economie emergenti. Anche l’Europa emergente ha subito l’immediato impatto umanitario, dai movimenti di rifugiati alla fuga di cervelli dalla Russia.

Collasso del debito per i Paesi emergenti?

Un elenco crescente di Paesi è in difficoltà debitoria sulla scia del Covid e della guerra in Ucraina: lo Zambia e l’Etiopia stanno cercando di rivedere l’onere del debito nell’ambito del quadro comune del Gruppo dei 20. Sri Lanka e Ghana sono falliti nel 2022.

Inoltre, il numero di nazioni escluse dai mercati dei capitali tra le economie più piccole e più rischiose è ai massimi storici.

“In realtà non c’è molto debito in scadenza il prossimo anno”, ha affermato Carmen Altenkirch, analista sovrano dei mercati emergenti presso Aviva Investors. “Il Paese probabilmente più a rischio è il Pakistan”.

Occhio alle elezioni nel 2023

Un certo numero di altri Paesi dei mercati emergenti deve affrontare le elezioni. Gli elettori della Nigeria, la nazione più popolosa dell’Africa, scelgono il loro prossimo presidente a febbraio.

In America Latina, l’Argentina terrà le elezioni presidenziali a ottobre. La due volte presidente e vicepresidente Cristina Fernandez de Kirchner ha dichiarato che non si sarebbe candidata al voto generale, dopo che un tribunale argentino l’ha condannata a sei anni di carcere in un caso di corruzione di alto profilo .

In Polonia, un’elezione prevista per l’autunno potrebbe vedere gli elettori estromettere il partito nazionalista Diritto e Giustizia (PiS) al Governo, il che potrebbe rimodellare le tese relazioni di Varsavia con Bruxelles.

Se vuoi rimanere aggiornato sulle ultime notizie di mercato, ti suggeriamo “XTB - News e analisi di mercato”, XTB è un broker one stop shop (accesso a migliaia di mercati in un’unica app) regolamentato e quotato in borsa, quarto al mondo per numero di clienti attivi.

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.