HSBC: 1.000 miliardi di dollari per obiettivo emissioni zero

9 ottobre 2020 - 14:21 |

HSBC punta a raggiungere l’obiettivo emissioni zero per tutti i propri clienti entro il 2050, investendo tra i 750 e 1.000 miliardi di dollari.

HSBC: 1.000 miliardi di dollari per obiettivo emissioni zero

HSBC annuncia un piano di investimenti tra i 750 e i 1.000 miliardi di dollari in finanziamenti verso i propri clienti per l’obiettivo emissioni zero entro il 2050, così come contenuto nell’Accordo di Parigi del 2015.

Mentre, per quanto riguarda le proprie attività dirette, la banca n.1 d’Europa punta a raggiungere la neutralità climatica entro il 2030.

HSBC, 1.000 miliardi di dollari per obiettivo emissioni zero

La novità rispetto ad altri gruppi bancari, pronti anche loro a perseguire lo stesso risultato, è determinata dal fatto che HSBC Holdings Plc ha intenzione di condizionare i propri clienti presenti in Asia per arrivare a questo traguardo.

Si tratta di uno dei più importanti impegni presi da parte di un istituto di credito nella lotta al cambiamento climatico.

Tuttavia, ci sono ancora alcune criticità da risolvere per capire se effettivamente il gruppo inglese riuscirà nel suo intento.

Polemiche degli attivisti contro HSBC

Innanzitutto è necessario comprendere se si tratta di un impegno forte, o un generico obiettivo da utilizzare soprattutto in funzione mediatica.

Infatti, si potrà esaminare in un secondo momento se sono state conservate alcune quote da poter investire per il finanziamento di clienti nelle economie in via di sviluppo, meno al passo con la transizione ecologica e ancora dipendenti dall’utilizzo di combustibili fossili.

Inoltre, secondo diversi attivisti ambientali, politici e azionisti, HSBC ha contribuito fortemente negli ultimi anni al cambiamento climatico attraverso diversi investimenti in progetti dannosi per l’ambiente.

La risposta del CEO Noel Quinn

Il CEO Noel Quinn respinge al mittente tali accuse in un colloquio con Reuters, innanzitutto mostrando la sua preoccupazione su quanto successo negli ultimi mesi.

Quinn ha infatti dichiarato come il Covid-19 sia stato un campanello d’allarme che ha mostrato all’economia globale quanto sia fragile per affrontare un evento di tali proporzioni.

Il CEO ha continuato sostenendo che presto si potrebbe aver a che fare con una crisi dello stesso impatto, legata però ai danni del cambiamento climatico.

Rispetto alle critiche ricevute, l’amministratore delegato di HSBC, ha affermato come l’intento che si intende raggiungere da parte della società è più ambizioso di quanto fatto fino ad ora da parte dei suoi competitor.

Il proposito è quello di far in modo che l’intero pacchetto delle attività finanziarie arrivi ad un impatto zero sul clima, influenzando in maniera diretta tutto il portfolio di clienti e non, come fatto da altre banche, di interrompere i rapporti con un singolo player che potrebbe rivolgersi ad un concorrente pronto ad accoglierlo.

Al momento però non sono state definite le politiche pronte a essere messe in atto per contrastare la produzione di CO2, rivelando solo che verrà utilizzato lo strumento di valutazione definito nell’Accordo di Parigi.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories