Greta “usata” per colpevolizzare le gente e non le multinazionali sull’ambiente (VIDEO)

Alessandro Cipolla

13 Dicembre 2019 - 10:11

condividi

Nel corso della seconda puntata di L’altro punto di vista, il nuovo format di MoneyTV, Marco Rizzo si è scagliato contro le le “multinazionali che inquinano” ma poi ti colpevolizzano “se non spegni la luce”.

Greta Thunberg ormai è famosa in tutto il mondo, tanto che il Times nonostante i suoi soli sedici anni l’ha nominata personaggio dell’anno per questo 2019 vista la sua battaglia per sensibilizzare i potenti della Terra sulla questione ambientale.

Gli sforzi della giovane attivista svedese sono comunque apprezzati da Marco Rizzo che, nel corso della seconda puntata di L’altro punto di vista il nuovo format di MoneyTV in onda ogni mercoledì alle ore 12.00 sul canale YouTube di Money.it, ha però parlato di Greta come di una “ figura da laboratorio ”.

Leggi anche Chi è Greta Thunberg? La biografia della giovane attivista

Il tema ambientale per il segretario generale del Partito Comunista è comunque “fondamentale al giorno d’oggi”, ma le radici del problema come per altre questioni così delicate sono da ricercare a monte e non a valle.

Nessuno ti dice che il 70% dell’inquinamento mondiale è prodotto da cento multinazionali tra cui l’esercito degli Stati Uniti - attacca Rizzo - allora di cosa stiamo parlando che è colpa tua che non hai spento la luce nel bagno?”.

Tutte le accortezze che negli ultimi tempi vengono richieste alle persone “sono tutte belle cose ma totalmente ininfluenti”, con la sorta di inganno che sarebbe quello di “cercare di responsabilizzarti come se fosse tua la colpa se l’ambiente va male, ma la colpa è delle multinazionali e come facciamo a responsabilizzare in negativo miliardi di persone”.

Sostieni Money.it

Informiamo ogni giorno centinaia di migliaia di persone in forma gratuita e finanziando il nostro lavoro solo con le entrate pubblicitarie, senza il sostegno di contributi pubblici.

Il nostro obiettivo è poterti offrire sempre più contenuti, sempre migliori, con un approccio libero e imparziale.

Dipendere dai nostri lettori più di quanto dipendiamo dagli inserzionisti è la migliore garanzia della nostra autonomia, presente e futura.

Sostienici ora

Iscriviti a Money.it