Gli uomini più ricchi della Silicon Valley secondo il Wall Street Journal

Il Wall Street Journal fa una lista degli uomini che nel 2013, grazie al rally dell’azionario hanno guadagnato di più. I leader dell’Hi Tech ci sono tutti. Ecco la classifica

Il mercato azionario è attualmente sotto pressione e molti investitori sono preoccupati sul suo futuro. Ma alcuni magnati, grazie al rally borsistico del 2013, hanno guadagnato talmente tanto da sentirsi un po’ meno in pena rispetto agli altri.

Il Wall Street Journal fa una classifica dei paperoni che nel corso dello scorso anno, grazie ai titoli delle loro compagnie, sono riusciti ad ottenere, tra dividendi e cessioni di azioni, guadagni multimiliardari.

Tra loro troviamo il solito Warren Buffett, ma soprattutto i CEO e i presidenti delle grandi multinazionali Hi-Tech, dal capo di Amazon Jefrrey Bezos all’ormai celeberrimo Mark Zuckerberg.

I paperoni della Silicon Valley

Mettendo da parte il solito Warren Buffett che, grazie ai guadagni della sua Berkshire Hathaway Inc., nel 2013 si è portato a casa ben 12,7 miliardi di dollari, al primo posto tra i guru dell’ hi-tech troviamo Jeff Bezos, fondatore e CEO di Amazon, che in virtù dell’aumento di valore delle sue azioni (l’azienda di e-commerce è cresciuta del 59%) ha guadagnato ben 12 miliardi.

Sul secondo gradino del podio, ma praticamente potrebbe essere considerato un primo a pari merito, si situa il solito Mark Zuckerberg con 11,9 miliardi di dollari (Facebook Inc. +105%), mentre un po’ più distante, in terza posizione, segue Larry Page, cofondatore di Google che lo scorso anno ha racimolato “solo” 9 miliardi di dollari.

Medaglia di legno a Larry Ellison, cofondatore e Ceo di Oracle con 5,5 miliardi, mentre a chiudere la Top Five troviamo l’ormai ex boss di Microsoft Steve Ballmer, recentemente sostituito da Satya Nadella, con 3,6 miliardi.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.