Gas naturale ai minimi di 4 anni: cosa aspettarsi ora?

Il gas naturale ha toccato i minimi del 2016 e mancano poche settimane all’inizio della salita sulle scorte. Cosa aspettarsi?

I dati intraday e in tempo reale del Grafico NG sono tratti dalle quotazioni di prodotti OTC.

La quotazione del gas naturale continua a muoversi vicino ai recenti livelli minimi visti l’ultima volta nel 2016, e la stagionalità non lascia predire un qualche rimbalzo nel prossimo futuro.

La scorsa settimana il contratto futures sul NYMEX con consegna a marzo 2020 ha toccato i $1,804 per BTU. Durante il mese di gennaio, il prezzo dello stesso future non è mai riuscito a superare quota $2,204 e finora, a febbraio, non abbiamo mai assistito ad un prezzo superiore a $1,89.

Con la fine della stagione invernale all’orizzonte tra la fine marzo e l’inizio aprile, tutti gli occhi sono puntati sul minimo di marzo 2016 a $1,611, che potrebbe fungere da calamita ribassista per la quotazione.

Gas naturale: le scorte scendono ma la spinta è ribassista

Giovedì 6 febbraio, l’Energy Information Administration (EIA) ha pubblicato l’ultimo report sulle scorte settimanali e i dati in esso contenuti hanno fatto ben poco per sostenere il prezzo dei futures sul gas naturale.

Come mostra la tabella, il declino di 137 miliardi di piedi cubi ha fatto scendere le scorte totali a 2,609 trilioni di piedi cubi. La quantità di gas naturale in giacenza è del 30,8% superiore al livello dello scorso anno e del +8,3% rispetto alla media quinquennale per questo periodo dell’anno.


Il grafico a dieci minuti evidenzia che la discesa leggermente più grande del previsto sulle scorte ha portato il prezzo a salire da un minimo di $1,832 precedente alla divulgazione del report a circa $1,875. Il prezzo è aumentato e si è allontanato dal minimo più recente di $1,804. Tuttavia, la price action nel mercato dei futures sul gas naturale rimane ribassista poiché gli acquirenti temono che le vendite possano trasformarsi in un significativo rally di recupero.

Verso un calo di domanda per il gas

Alla fine della stagione di discesa delle scorte a marzo 2019, le eccedenze di gas naturale sono scese ad un minimo di 1,107 trilioni di piedi cubi. Mancano sette settimane alla fine della stagione di picco della domanda, il calo medio sulle scorte dovrebbe essere di 214,57 bcf per raggiungere i minimi dello scorso anno. Il calo più significativo delle scorte quest’anno è stato di 201 bcf, seguito da una discesa di 161 bcf.

Poiché il calo delle scorte diminuisce alla fine della stagione invernale con l’aumentare delle temperature, le probabilità di avvicinarci ai minimi dello scorso anno sono praticamente bassissime.

I fattori ribassisti sul gas naturale

Il gas naturale si trova ora vicino ai minimi più recenti e al minimo dal 2016 poiché la stagionalità continua ad alimentare la spinta ribassista.

La stagione più calda avrà inizio verso la fine di marzo, tra meno di due mesi. Il prezzo del gas naturale tende a raggiungere un minimo stagionale all’inizio della primavera. Nel 2016, il prezzo è sceso a un minimo di $1,611. Con il minimo più recente a 1,804, il minimo del 2016 probabilmente fungerà da magnete per il prezzo della materia prima energetica sul mercato dei futures NYMEX nelle prossime settimane. Potremmo assistere ad un minimo più basso nelle prossime settimane e mesi.

Qualsiasi tentativo di ripresa incoraggerà i venditori a tornare sul mercato o ad aggiungere posizioni di rischio esistenti. La stagionalità e l’alto livello delle scorte sono chiaramente fattori ribassisti.

Nel frattempo, più basso è il calo dei prezzi, maggiori saranno le opportunità per la prossima stagione estiva, autunnale e invernale. Il minimo di $1,611 nel 2016 ha alimentato un rally che ha portato il prezzo a ben oltre il doppio del livello minimo entro la fine di quell’anno.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza per ricevere le news su Gas naturale

Condividi questo post:

1 commento

foto profilo

Cristina Ciccarelli • 2 settimane fa

Nel 2016 ho chiuso con il mercato tutelato che mise in piedi un raggiro molto grave ovvero tentavano di dimostrare che stavo consumando quintali di gas in una mia fornitura cd domestica dove non sono vissuta quasi mai, sono stati molto sciocchi perché non hanno tenuto conto delle conseguenze, sono cliente buoni pagatori e non sopporto essere presi per i fondelli da ciarlatani che giocano anche i bilanci societari e che non sanno fornire neanche un report. È coinvolto anche un ente pubblico italiano. In 17 anni mi hanno rubato una cifra importante ed ho iniziato a chiudere anche altri contratti correlati al cd mercato tutelato.

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.