Fiat e Peugeot: emissari in Serbia, che succede?

Andrea Senatore

24/03/2021

04/06/2021 - 10:03

condividi

In Stellantis si discute del futuro dello stabilimento di Kragujevac in Serbia che potrebbe ospitare un nuovo modello

Dalla Serbia arriva un’indiscrezione molto interessante. Si dice infatti che negli ultimi tempi diverse volte a Kragujevac, dove sorge un famoso stabilimento di Fiat Chrysler, siano stati avvistati emissari di Fiat e Peugeot. Questi probabilmente discutono del futuro della fabbrica in cui attualmente viene prodotta la monovolume Fiat 500L, la cui carriera sembra ormai giunta quasi alla conclusione.

Si discute del futuro dello stabilimento Fiat di Kragujevac in Serbia

Dunque già da tempo si discute su cosa Stellantis deciderà di fare in quel sito produttivo. In Serbia negli ultimi mesi è cresciuta la preoccupazione circa un disimpegno di Fiat Chrysler dopo la fusione con PSA. Queste paure sono aumentate negli ultimi giorni quando è stato chiesto ad alcuni dipendenti della fabbrica di trasferirsi su base volontaria nello stabilimento di Trnava in Slovacchia.

I sindacati hanno visto questo come il segnale che dopo l’addio di Fiat 500L, la fabbrica potrebbe anche chiudere i battenti. Tuttavia fonti interne a Fiat Chrysler Serbia dicono che in realtà ci sarebbero altri piani per l’impianto di Kragujevac. Probabile che in futuro possa essere annunciato un nuovo modello targato Fiat da produrre proprio in quel luogo.

In passato si parlava del possibile arrivo di un nuovo SUV, ma al momento queste voci non trovano alcuna conferma ufficiale. Possiamo anche ipotizzare che la presenza di rappresentanti di Peugeot possa indicare la volontà di Stellantis di utilizzare quella fabbrica per qualche nuovo modello dei marchi ex PSA.

Probabile che entro fine anno il mistero sul destino dello stabilimento Fiat Chrysler di Kragujevac venga risolto. Infatti alcuni importanti dirigenti dell’ormai ex gruppo FCA avevano promesso che nel corso del 2021 sarebbero stati svelati i piani di Stellantis per quanto riguarda gli stabilimenti dell’est Europa tra cui anche quello di Kragujevac.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Iscriviti a Money.it