Fertility Day 2016: cos’è? Data, eventi e perché delle polemiche

icon calendar icon person

Che giorno è il Fertility Day 2016? Qual è lo scopo dell’evento? Ecco tutto quello che c’è da sapere sul Fertility Day 2016, l’iniziativa promossa dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin.

Cos’è il Fertility Day?

In questi giorni si sta parlando molto del Fertility Day 2016, l’iniziativa voluta dal Ministro della Salute Beatrice Lorenzin che sta suscitando non poche polemiche. Eppure, nonostante se ne parli molto, non tutti hanno ben capito cos’è il Fertility Day e per quale giorno è previsto.

Di seguito trovate tutte le informazioni sul Fertility Day, dalla data agli eventi in programma. Non mancherà un approfondimento sul perché ci sono così tante polemiche intorno ad un evento che, almeno secondo il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin, si pone lo scopo di informare i cittadini sul ruolo della “fertilità nella loro vita, sulla sua durata e su come proteggerla evitando comportamenti che possono metterla a rischio”.

La stessa Lorenzin comunque ha confermato che il Fertility Day non è partito con il piede giusto, poiché alcuni aspetti della campagna promozionale sono stati fraintesi. Per questo il Ministero della Salute nei giorni che precedono l’evento avrà modo di rivedere e modificare quegli elementi che non hanno funzionato.

Cos’è quindi il Fertility Day? Che giorno è? Ecco tutto quello che c’è da sapere su uno degli eventi più discussi di questi giorni, che potrebbe determinare il futuro politico di Beatrice Lorenzin.

Cos’è il Fertility Day?

Come pubblicato sul sito del Ministero della Salute, il Fertility Day è una giornata dedicata alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica sul tema della fertilità e sulla diminuzione delle nascite. L’iniziativa prende spunto dagli eventi organizzati ogni anno in alcuni paesi come Irlanda e Nuova Zelanda rivolti a chi soffre di infertilità.

In effetti, il Italia il tasso di fecondità (la media del numero di figli che partorisce ogni donna) è abbastanza basso, e negli ultimi 10 anni non c’è stata la crescita che gli esperti si aspettavano. Secondo il Ministero della Salute, per favorire le nascite non bastano interventi a sostegno della genitorialità (vedi ad esempio il Bonus Bebè), ma servono anche politiche sanitarie ed educative per la tutela della fertilità. Ed è in quest’ottica che il Fertility Day si propone come una giornata dedicata alla salute sessuale, e riproduttiva, di donne e uomini.

Per questo motivo lo slogan scelto per il Fertility Day è “Proteggi la tua fertilità. Per te, per noi”. Ma che giorno è il Fertility Day? L’evento è in programma per giovedì 22 settembre, e nel corso della giornata ci saranno degli eventi che coinvolgeranno giovani, insegnanti, famiglie, professionisti e associazioni.

Fertility Day 2016: gli eventi

Nel Fertility Day sono in programma diversi eventi nelle città d’Italia. Di concerto con l’Anci, infatti, il Ministero della Salute istituirà delle “Tavole Rotonde” formative dove esperti in materia daranno tutte le informazioni necessarie sul tema della fertilità.

Inoltre, verranno istituiti dei “Villaggi della Fertilità”, composti da una serie di gazebo dove attraverso dei video gli esperti daranno alcuni consigli su questo delicato tema. In questi villaggi ci saranno delle aree dedicate ai bambini, dove questi potranno conoscere la fisiologia del corpo umano grazie agli insegnamenti di un tutor specializzato. Per gli adolescenti e le famiglie, invece, ci sarà una mostra fotografica rappresentante tutte le fasi della fertilità. Oltre all’istituzione del Fertility Day, inoltre, sono previsti corsi ed eventi appositi per medici, campagne sui giornali e nelle scuole.

Per tutte le altre informazioni sugli eventi del Fertility Day 2016, potete andare sul sito ufficiale dell’evento, oppure sul sito del Ministero della Salute. Di seguito, invece, potete consultare il programma completo del Fertility Day:

Fertility Day, perché così tante polemiche?

Probabilmente Beatrice Lorenzin non pensava che l’annuncio del Fertility Day potesse creare così tante polemiche. In effetti la campagna promozionale con cui il Ministero ha promosso l’iniziativa non è stata delle migliori.

Infatti, molti utenti si sono lamentati per le immagini con cui è stato dato l’annuncio dell’evento, specialmente per gli slogan scelti (ad esempio, “La bellezza non ha età. La fertilità sì”).

Secondo gli italiani queste frasi creano troppa pressione sulle donne, specialmente su quelle che non possono avere figli per problemi di salute o economici. Alcuni utenti hanno persino paragonato la campagna del Fertility Day a quelle messe in atto dai regimi autoritari del Novecento, quando le famiglie erano incitate nel fare figli per servire al meglio lo Stato.

Inoltre, le polemiche riguardano anche i costi sostenuti per la creazione dell’evento. Infatti, secondo le varie indiscrezioni, la campagna promozionale è costata 113mila euro.

Beatrice Lorenzin ha ribadito la bontà dell’iniziativa, pur facendo un passo indietro riguardo alla campagna promozionale al centro delle polemiche. Il Ministro della Salute ha dichiarato che la campagna per il Fertility Day resterà nella sua impostazione, ma alcune cartoline (come quella della clessidra con lo slogan “datti una mossa”) verranno riviste in modo da non urtare la sensibilità di nessuno.