Trimestrale FCA: utile netto da record spinto dal Nord America

Trimestrale FCA: il gruppo automobilistico alza il velo sui conti del terzo trimestre 2020. Utile netto in forte crescita, tutti i dati

Trimestrale FCA: utile netto da record spinto dal Nord America

Trimestrale FCA: il gruppo automobilistico ha messo a nudo i conti del terzo trimestre, sorprendendo le attese con un utile netto record di 1,205 miliardi di euro.

La società ha mostrato dati incoraggianti, alla vigilia della fusione FCA-PSA che porterà alla nascita di Stellantis, destinato a diventare il quarto gruppo mondiale del comparto auto per volumi.

I rispettivi CdA, infatti, hanno appena siglato il progetto, che dovrebbe essere concluso entro il primo trimestre 2021. I cambiamenti in atto nel panorama economico mondiale a causa della pandemia avevano spinto le due aziende automobilistiche a modificare i termini della fusione in ambito finanziario.

In questa cornice di aspettative, quindi, sono stati svelati i conti della trimestrale FCA. Le azioni societarie sono in perdita del 2,49% a Piazza Affari.

Trimestrale FCA: il 3° trimestre messo a nudo

FCA ha battuto le stime e ha registrato risultati finanziari importanti nel terzo trimestre 2020.

L’utile netto si è attestato sul livello record di 1,205 miliardi di euro, per un incremento pari al 773% rispetto allo stesso periodo del 2019. Il dato adjusted (utile al netto delle rettifiche) ha evidenziato un +21%, pari a 1,530 miliardi di euro.

Nel terzo trimestre 2020 i ricavi sono stati pari a 25,814 miliardi di euro, in diminuzione del 6% in confronto al periodo del 2019. L’ebit adjusted, invece, ha fissato un record a 2,276 miliardi di euro, in crescita del 16% rispetto al terzo trimestre dell’anno precedente e con margine a + 8,8%.

Il flusso di cassa industriale si è attestato a 6,7 miliardi di euro, generando un impatto positivo di 5,6 miliardi di euro tramite il recupero del capitale di funzionamento. Il cash flow delle attività operative ha raggiunto quota 8,930 miliardi di euro.

Gli investimenti sono stati pari a 2,2 miliardi di euro, confermando “il forte impegno sui prodotti futuri”.

Il gruppo FCA ha registrato liquidità disponibile pari a 27,1 miliardi di euro alla fine del trimestre. A questi si aggiungono 1,1 miliardi di euro della linea di credito Intesa Sanpaolo dal valore di 6,3 miliardi di euro con garanzia statale.

Degni di nota i dati provenienti dal Nord America: domanda in crescita di Ram e Jeep e disciplina su incentivi e costi di gestione hanno generato un EBIT adjusted record di 2,5 miliardi di euro e un margine del 13,8%.

Nel trimestre, la quota del mercato retail U.S. FCA si è mantenuta sul livello di forza del 12,3%.

FCA: è record dal Nord America. Gli scenari futuri

Nel commentare i dati della trimestrale FCA, il CEO Mike Manley ha sottolineato l’ottima performance del segmento societario in Nord America.

Parole di soddisfazione hanno accompagnato il commento ai risultati finanziari:

“I risultati record sono stati trainati dalla fenomenale performance del nostro team in Nord America. Nel trimestre, con diversi brand abbiamo presentato prodotti in segmenti in cui non eravamo presenti, abbiamo aperto un nuovo capitolo nella storia del marchio Maserati, confermato la leadership di mercato in America Latina e proseguito nel rapido percorso globale di investimenti nell’elettrificazione”

Se non subentreranno condizioni straordinarie dettate dalla pandemia, il gruppo FCA ha previsto una guidance per il 2020 con ebit adjusted tra 3 e 3,5 miliardi di euro e free cash flow industriale tra zero e -1 miliardi di euro.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories