Quanto ti serve per sentirti ricco?

Agli italiani basterebbe un milione, però ci sono le questioni previdenza e istruzione che mitigano

Quanto ti serve per sentirti ricco?

Un vecchio adagio recita: «il denaro non è tutto, però aiuta».

Uno dei desideri più reconditi dell’uomo è infatti quello di essere, o comunque diventare, ricchi. Ma «essere ricchi» cosa significa veramente?

Negli USA è uscita la «Charles Schwab’s annual Modern Wealth», un sondaggio somministrato a 1000 americani per capire la percezione di ricchezza, soprattutto tra fasce di età diverse. Ne emerge che più si è vecchi e più ne servono per sentirsi dei piccoli «Paperone»: 2,6 milioni di dollari tra i 55 e 73 anni mentre di milioni ne basta uno per i più giovani.

Italiani vogliono essere sempre più ricchi…

Queste cifre, se applicate al tessuto italiano, andrebbero considerate sulla base di diversi fattori.

«Il costo della vita nelle grandi metropoli USA è decisamente più alto rispetto alle nostre Milano e Roma con un salario medio di 58mila dollari contro un italico 32mila dollari, ma vivere in Italia è più conveniente per altri motivi come la previdenza e l’istruzione, costi che sono a carico dello Stato, qualcosa di impensabile per gli americani», ha chiarito Edoardo Fusco Femiano, market analyst di eToro.

…però i grandi patrimoni scendono

Possiamo quindi dire che il mitico “milione” (in euro) sia la soglia psicologica che fa sentire ricco un italiano, sebbene buona parte di questa ricchezza è spesso investita nel mattone, un asset però destinato ancora a scendere di valore.

La stessa figura del private banker è sempre più rara: abbassata la soglia di entrata negli ultimi anni per poter avere l’attenzione di un banchiere personale, oggi i risparmiatori fanno sempre più da soli, mentre il private banker è tornato a essere un consulente solo per quelli davvero ricchi.

Leggi anche Grandi patrimoni in calo nel 2018.

L’idea di eToro, il risparmio gestito “fai da te”

Una gestione fai da te che spesso sbatte contro l’errata concezione di non poter investire perché non si è capaci e perché si hanno pochi soldi. Gli strumenti on line oggi sono sempre più perfezionati e costruiti proprio per far fronte a un’utenza indecisa, poco preparata e con un budget ridotto.

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Su questo fronte eToro è stata la prima piattaforma di trading on line a proporsi al mercato con una veste estremamente intuitiva, ricca di strumenti informativi per alfabetizzare i risparmiatori. «Per coloro che invece non intendano occuparsi quotidianamente dei propri risparmi, eToro ha introdotto la funzione di copy-trading, ovvero la possibilità di replicare automaticamente le strategie di trader più esperti e conseguire le medesime performance», ha chiosato Fusco Femiano.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Investimenti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.