Escherischia coli nella farina: l’allarme dell’esperto

Allarme escherichia coli: la farina è uno dei cibi crudi insospettabilmente tossici da cui gli esperti consigliano di stare alla larga. Ecco perché.

Escherischia coli nella farina: l'allarme dell'esperto

Tra i cibi che possono provocare infezione da E coli c’è la farina. Esatto, avete capito bene: l’ingrediente base per la preparazione di pane, pasta, torte e biscotti è così apparentemente innocuo quanto pericoloso che gli esperti hanno dovuto mettere in allarme i consumatori.

In cucina tendiamo a puntare il dito contro cibi crudi notoriamente rischiosi per la salute come le uova o il pesce, ma ci sono degli alimenti come la farina che dovrebbero farci ugualmente spaventare. La farina cruda è considerata innocua dalla maggior parte delle persone, ma in realtà può diffondere batteri pericolosi, spiega Bill Marler, avvocato americano specializzato in casi di avvelenamento e intossicazione alimentare. Marler ha maturato una profonda esperienza e conoscenza delle malattie alimentari, e il focolaio di Escherichia coli esploso in 24 stati USA tra il 2015 e il 2016 causato dal consumo di farina non cotta lo ha convinto a modificare le sue abitudini in cucina.

L’infezione ha avuto tale diffusione che anche il CDC (Centers for Disease Control and Prevention) ha avvertito i consumatori del rischio E. coli legato all’ingestione di farina.

Farina, rischio E. coli: perchè è pericolosa

Nel dettaglio l’allarme fa riferimento al consumo di impasto crudo o di farina grezza durante la preparazione di dolci e pasta in casa. La pasta cruda può contenere batteri che causano malattie, e non parliamo solo delle uova, che possono contenere la Salmonella. “Stai alla larga dalla tentazione di assaggiare un boccone di impasto prima che sia completamente cotto”, avvisa il comunicato del CDC, “poiché mangiare prodotti non cotti destinati al forno, come pasta e pastella, può far ammalare. I bambini possono prendere un’infezione maneggiando o assaggiando la pasta cruda”.

Anche se la farina non sembra essere un alimento crudo, in realtà lo è. Ciò significa che non viene trattata per uccidere batteri come l’Escherichia coli. Questi batteri possono contaminare il grano mentre è ancora sul campo o durante le fasi di lavorazione del prodotto, come la macinazione del grano e la sbiancatura della farina, non uccidono questi agenti patogeni.

I batteri vengono uccisi solo quando i cibi a base di farina vengono cotti.

E coli nella farina: i consigli degli esperti

Tra i consigli per la sicurezza gli esperti invitano a non preparare frullati con prodotti che contengono farina cruda, come mix per torte; non utilizzare l’impasto dei biscotti crudo per il gelato; tenere gli alimenti crudi come la farina lontano dai cibi pronti poiché, essendo una polvere, si può spargere facilmente e cadere accidentalmente sui cibi. Si consiglia inoltre di pulire accuratamente i ripiani e le ciotole e gli utensili entrati a contatto con la farina o la pasta cruda, così come è bene lavarsi le mani con acqua calda e sapone.

Sintomi Escherichia coli

Gli esperti invitano inoltre a prestare molta attenzione ai sintomi derivanti da questa infezione. I sintomi da escherichia coli includono crampi allo stomaco, diarrea e vomito, possono variare da lievi a gravi. In genere compaiono 3-4 giorni dopo aver contratto l’infezione, e durano una settimana circa. Nel caso in cui si sospetti intossicazione da E. coli si consiglia di consultare un medico.

Iscriviti alla newsletter Altre Rubriche per ricevere le news su Alimentazione

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.