Effetto Cina su Alibaba: tonfo del titolo, conti deludenti

Violetta Silvestri

18/11/2021

19/11/2021 - 08:34

condividi

La trimestrale di Alibaba ha deluso le attese, mettendo in evidenza quanto l’incertezza economica cinese e la stretta normativa sui colossi tech stiano lasciando il segno.

Effetto Cina su Alibaba: tonfo del titolo, conti deludenti

Alibaba ha mancato le aspettative di entrate e utili per il trimestre di settembre, con il rallentamento della crescita economica in Cina e la stretta normativa a pesare sui risultati.

Le azioni del colosso dell’e-commerce quotate negli Stati Unitiono scese oltre il 5% negli scambi pre-market del 18 novembre.

Sui risultati finanziari di Alibaba sta pesando il clima incerto e di pressione che si respira in Cina: l’economia del dragone ha subito un rallentamento nel terzo trimestre dell’anno, che ha colpito anche i consumi.

Inoltre, il gigante delle vendite online ha subito la stretta della Cina sull’ industria tecnologia domestica, che ha visto una grande quantità norme nuove su antitrust e protezione dei dati.

Alibaba manca le attese: tutti i dati del colosso cinese

Nel suo secondo trimestre fiscale, rispetto alle stime di consenso di Refinitiv, Alibaba ha registrato:

  • entrate: 200,69 miliardi di yuan (31,4 miliardi di dollari) contro i 204,93 miliardi di yuan stimati, un aumento del 29% su base annua;
  • utile per azione: 11,20 yuan contro 12,36 yuan stimati, un calo del 38% su base annua;
  • utile netto: -81% a 5,4 miliardi di yuan

La società ha ridotto le previsioni di entrate per l’anno in corso. In precedenza si stimava una crescita di 930 miliardi di yuan, che sarebbe stata pari a circa il 29,5% su base annua. Tuttavia, il colosso ora prevede una crescita tra il 20% e il 23% annuale.

Le entrate della gestione dei clienti, la porzione più grande delle vendite di Alibaba, sono aumentate solo del 3%. Il colosso ha dichiarato che ciò è dovuto alla lenta crescita delle vendite sulla sua piattaforma “che è il risultato del rallentamento delle condizioni di mercato e di più attori nel mercato dell’e-commerce cinese”.

Alibaba ha dovuto affrontare un’intensa concorrenza da parte del suo rivale JD.com, ma anche di nuovi giocatori come Pinduoduo e persino di società di social media come ByteDance, proprietario di TikTok.

Pinduoduo, per esempio, quest’anno ha superato Alibaba come la più grande piattaforma di e-commerce cinese per acquirenti attivi annuali, raggiungendo 849,9 milioni di utenti nei 12 mesi fino a giugno.

Nel frattempo, JD.com ha attirato sulle sue piattaforme marchi nuovi e di ritorno come Starbucks ed Estee Lauder, sfruttando la regola di Pechino per porre fine agli accordi di esclusività precedentemente imposti ai commercianti.

Il rallentamento di Alibaba sembrava destinato a estendersi in un periodo di dicembre che includeva il Singles’ Day, il più grande festival dello shopping dell’anno. Alibaba la scorsa settimana ha registrato vendite per 84,5 miliardi di dollari durante l’evento, raggiungendo un altro record.

Ma l’aumento dell’8,5% è stato in netto calo rispetto agli anni precedenti, poiché l’azienda ha evitato promozioni di alto profilo e si è concentrata sulla sostenibilità.

Argomenti

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.