Debiti PA, arriva la garanzia dello Stato per cessione crediti a banche. Ecco le precisazioni del Mef

Marta Panicucci

8 Luglio 2014 - 11:16

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Al via la garanzia dello Stato per la cessione dei crediti certificati a banche e intermediari finanziari. Con questa operazione i fornitori possono recuperare quanto dovuto dalla Pa. Ecco la circolare del Mef

E’ attiva la garanzia dello Stato per la cessione dei crediti vantati dai fornitori nei confronti della Pubblica Amministrazione. Il Ministero dell’economia e della Finanza ha emanato un decreto attuativo, già firmato dal Ministro Padoan, per assicurare il «completo e immediato pagamento dei debiti certi, liquidi ed esigibili, di parte corrente, maturati al 31/12/2013».

Normativa
La garanzia dello Stato, nei confronti di banche e intermediari finanziari a favore di coloro che vantano crediti con la Pa, è stata introdotta decreto-legge 66/2014 e attuata grazie al decreto ministeriale del 24 giugno 2014 .

Tale decreto ha l’obiettivo di garantire il pagamento a breve dei debiti della Pa contratti per forniture, appalti e prestazioni professionali. A questo scopo le cessioni vengono garantite dallo Stato, come anche le operazioni di ridefinizione dei termini e delle condizioni di pagamento dei crediti ceduti a fronte di temporanee carenze di liquidità da parte della Pa debitrice.

Cessione credito certificato
Ma in cosa consiste tale operazione? In pratica, in base al decreto appena citato, i

fornitori possono cedere «pro soluto» il proprio credito certificato e assistito dalla garanzia dello Stato a banche e a intermediari finanziari incassando quanto dovuto al netto di una percentuale di sconto che è fissata nella misura massima dell’1,90% in ragione d’anno. Lo sconto si riduce all’1,60% per gli importi eccedenti i 50.000 euro di ammontare della cessione.

In base al decreto inoltre, la garanzia dello Stato subentra anche in operazioni di ridefinizione dei termini e delle condizioni di pagamento dei debiti ceduti dai fornitori che avvengono a fronte di temporanee carenze di liquidità delle Pa con debiti.

Fondo di garanzia
Per supportare tale operazione di cessione dei crediti dei fornitori con la garanzia dello Stato, è nato una apposito fondo di garanzia. Gestito dalla Consap S.p.A, vanta un tesoretto di 150 milioni utili a coprire la cessione dei crediti per 1,9 miliardi di euro. Inoltre la dotazione finanziaria potrà essere facilmente integrata attingendo dall’apposito fondo istituito presso il Mef che può garantire la cessione di crediti per oltre 13 miliardi.

Argomenti

# Italia

Iscriviti alla newsletter

Money Stories