Crisanti è per le vacanze last minute: “Fine emergenza a settembre-ottobre”

Alessandro Cipolla

1 Aprile 2021 - 16:39

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Per Andrea Crisanti in questo momento parlare di aperture “non avrebbe senso”, ipotizzando una possibile fine dell’emergenza Covid in Italia “non prima di settembre o ottobre, per le vacanze meglio last minute”.

Crisanti è per le vacanze last minute: “Fine emergenza a settembre-ottobre”

Vacanze? Meglio last minute. Questo è il parere di Andrea Crisanti , il popolare microbiologo che, dopo essersi imposto al grande pubblico per essere riuscito a contenere la prima ondata del virus in Veneto, senza dubbio è diventato tra i vari esperti uno dei massimi esponenti del fronte dei rigoristi.

Con il licenziamento del nuovo decreto, anche i numerosi partiti che formano la maggioranza di governo sembrerebbero essere divisi tra aperturisti e rigoristi, con quest’ultimi che di certo sono usciti vincitori dall’ultimo Consiglio dei Ministri.

Per Mario Draghi non è stato però semplice mettere d’accordo sulle misure anti-Covid chi, come Lega e Forza Italia, voleva riaprire già ad aprile dove fosse stato possibile, con chi invece predica prudenza come nel caso del PD e del Movimento 5 Stelle.

In questo scenario Andrea Crisanti è intervenuto durante la trasmissione radiofonica Un giorno da pecora, sposando la linea del rigore mantenuta dal Governo con il suo ultimo decreto che sarà in vigore dal 7 al 30 aprile.

Crisanti e le vacanze last minute

Non è pensabile tornare alle zona gialle entro fine mese e non credo che sia desiderabile – ha spiegato il professore di microbiologia - Tutte queste oscillazioni che hanno stremato l’Italia sono il risultato della pressione per provvedimenti demagogici”.

Per l’esperto “parlare di aperture adesso non ha senso”, visto che “se il 30 di aprile si abbassano i contagi e il numero di morti diminuisce a quel punto la zona gialla diventa plausibile”.

Alla domanda su quando finirà questa emergenza Covid, Crisanti ha risposto che sarà un processo che avverrà per fasi ma “non prima di settembre o ottobre”. Tutto infatti dipenderà da come procederà la campagna vaccinale, anche per programmare le vacanze.

Vale sempre la pena essere ottimisti - ha aggiunto il microbiologo e accademico - Ma come sarà questa estate dipende da quante persone riusciamo a vaccinare. Io aspetterei, farei più last minute quest’anno”.

Argomenti

# Italia

Iscriviti alla newsletter

Money Stories