Coronavirus, Netflix toglie l’HD: si può avere il rimborso?

Netflix abbassa la qualità video e toglie l’HD. Il coronavirus infetta anche internet, appesantito dall’eccessivo utilizzo dello streaming. Ecco cosa fare: si può avere il rimborso dell’abbonamento?

Coronavirus, Netflix toglie l'HD: si può avere il rimborso?

Netflix toglie l’HD per 30 giorni in Italia e in Europa: la rete internet è infatti messa a dura prova a causa dell’emergenza coronavirus. Netflix abbassa il bitrate e toglie l’alta definizione dai propri contenuti per un mese, onde evitare di affaticare la linea internet europea. Sono in molti però gli utenti ora in cerca di un rimborso, ma si può avere davvero?

Chi dispone di un abbonamento Premium a Netlfix infatti non potrà usufruire, per un periodo di tempo limitato, di alta definizione e 4K: il colosso dello streaming accoglie la proposta dell’Unione Europea per evitare che la visione on demand dei contenuti pubblicati nei svariati servizi vada a inficiare sulle prestazione del traffico internet domestico, ma così congestionato come prima d’ora.

La risoluzione video dei contenuti pubblicati e riprodotti su Netflix sarà ridotta per 30 giorni, anche se vige ancora il mistero sulla data esatta in cui sarà applicata questa direttiva. Ora però sono tantissimi gli utenti che, pagando un abbonamento più costoso anche per la qualità video offerta, pretendono un rimborso o una riduzione del normale canone mensile. Ecco cosa sappiamo.

Netflix senza HD per un mese: ecco perché

È Netflix stessa a porre l’ufficialità sulla questione attraverso le parole di un portavoce:

“A seguito delle conversazioni tra il commissario Thierry Breton e Reed Hastings, e date anche le criticità di natura straordinaria generate dal coronavirus, Netflix ha deciso di ridurre il bitrate dei flussi di streaming in Europa per 30 giorni. Possiamo stimare che questa decisione potrà ridurre il traffico legato a Netflix sui network europei del 25%, potendo comunque assicurare un servizio di qualità ai nostri clienti”.

L’UE ha chiesto anche ad altre piattaforme streaming, come YouTube, di limitare la qualità video dei contenuti trasmessi ma per il momento l’appello è stato condiviso solo da Netflix e dal popolare servizio Google.

Netflix senza HD: come avere il rimborso

Netflix al momento non ha comunicato alcuna variazione di prezzo per i propri abbonamenti in questo periodo straordinario e il cambio di qualità video, seppur dovuto a un’emergenza temporanea, ha fatto già infuriare diversi utenti.

Purtroppo, è bene sottolineare come il colosso streaming non preveda alcuna forma di rimborso se non per casi eccezionali, dove non rientra quest’ultimo caso.

Gli abbonamenti Premium di Netflix sono infatti due: il primo, da 11,99 euro, prevede una qualità dell’immagine in HD e la possibilità di connettere fino a due schermi in contemporanea; il secondo, da 15,99 euro, detiene invece lo standard Ultra HD e 4K con la possibilità di connettere fino a 4 schermi in contemporanea.

In questo caso la soluzione potrebbe essere quella di passare all’abbonamento da 7,99 euro, che ha la definizione video standard a fronte della possibilità di connettere solo uno schermo alla volta.

Questo porterebbe a un risparmio di quasi 8/4 euro al mese a fronte però dell’impossibilità di detenere i famosi abbonamenti condivisi tra più utenti. Netflix, restando nel campo delle ipotesi, potrebbe anche scontare o addirittura offrire il mese di visione depotenziato in modo gratuito: il colosso dello streaming è infatti tra i pochi a non aver ancora aderito alla campagna di Solidarietà Digitale messa in piedi dal Ministro per l’Innovazione tecnologica e la Digitalizzazione.

Che sia arrivato il momento di dimostrare agli utenti la propria solidarietà?

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

1820 voti

VOTA ORA