Coronavirus: “Lasciare le abitazioni”, la bufala del volantino del Ministero

Isabella Policarpio

30/03/2020

26/04/2021 - 12:18

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Il caso del falso volantino del Ministero dell’Interno che invita i non residenti ad abbandonare l’edificio. Succede a Roma ed è l’ennesima bufala del coronavirus.

Ancora un’altra truffa che approfitta dell’emergenza coronavirus: stavolta si tratta di un volantino che replica una comunicazione del Ministero dell’Interno in cui si invita i non residenti a lasciare la casa di abitazione, altrimenti ci saranno delle sanzioni molto pesanti, anche l’arresto.

I volantini in questione sono stati ritrovati in diversi punti di Roma, in zona Colli Albani, Eur ma anche in centro, soprattutto a Campo de’ fiori; cosa che ha costretto la Polizia di Stato ad intervenire con un comunicato dove mette in guardia dalla truffa. I volantini sequestrati riportano fedelmente l’intestazione del Ministero dell’Interno e sono rivolti agli inquilini in affitto, che a Roma sono tantissimi, ma, precisiamo, non c’è nulla di vero, quindi nessuno deve lasciare la propria abitazione. Anzi l’invito del Governo e delle Autorità sanitarie è di restare in casa il più possibile e sono vietati gli spostamenti negli altri Comuni, se non per ragioni di assoluta necessità. Quindi si tratta di un bufala.

I non residenti non devono lasciare le case: il volantino del Viminale è una bufala

Ci troviamo di fronte all’ennesima trovata per generare il panico sociale approfittando dell’emergenza sanitaria in atto: in diversi quartieri della Capitale sono stati trovati dei volantini in cui i non residenti sono invitati ad abbandonare la casa e a tornare nel luogo di residenza. I fogli riportano fedelmente l’intestazione del Ministero dell’Interno e invitano i non residenti a mostrare alla Forze dell’ordine carta d’identità, contratto di affitto e a specificare il vero indirizzo di residenza. Attenzione perché non c’è niente di vero: questi volantini sono falsi e la Polizia sta indagando per trovare i responsabili.

Il commissariato di Polizia di Appio Nuovo, al quale sono stati consegnati i volantini, ha pubblicato il comunicato seguente:

“Quanto riportato su detti volantini è da ritenersi falso ed ingannevole per la pubblica fede e non deve essere preso in considerazione da chi li dovesse ritrovare”.

Ma non solo, in realtà per evitare la diffusione del contagio della COVID-19, nessuno dovrebbe uscire dalle proprie abitazioni se non per motivi urgenti, di lavoro e di salute. Vietato uscire dal Comune in cui si abita, anche se lo spostamento serve per raggiungere il Comune in cui si ha la residenza. Questo divieto è stato stabilito lo scorso 22 marzo, e serve a scongiurare la fuga dal nord di lavoratori e studenti provenienti dal sud Italia.

Risale invece a qualche giorno fa un’altra notizia falsa, ovvero l’obbligo di conservare lo scontrino per provare di aver fatto la spesa, anche questa una bufala ben architettata.

Argomenti

# Bufale

Iscriviti alla newsletter