Comunicazione dati IVA 2015: ultimi giorni. Obblighi, esonero, dati da inserire, modello. Tutte le informazioni per non sbagliare

Comunicazione dati IVA, pochi giorni alla scadenza del 2 marzo. Tutte le informazioni necessarie per non sbagliare ed evitare sanzioni.

Mancano pochissimi giorni alla scadenza del 2 marzo 2015, data entro la quale i titolari di Partita IVA devono presentare all’Agenzia delle Entrate la Comunicazione dati Iva annuale.

Lo scopo della comunicazione è quello di consentire allo Stato di calcolare le risorse da destinare al bilancio comunitario. Ricordiamo che la Legge di Stabilità aveva abolito l’obbligo di presentare l’adempimento a partire dal 2016, ma il decreto Milleproroghe ha prorogato di un anno l’abrogazione della misura.

Data l’imminente scadenza appare dunque utile fare un riepilogo della situazione.

Comunicazione dati IVA: soggetti obbligati
Devono presentare la comunicazione dati IVA entro lunedì 2 marzo 2015 per le operazioni compiute nel 2014, i seguenti contribuenti:

- tutti i soggetti titolari di partita IVA compresi i soggetti che adottano il Regime delle nuove iniziative produttive e i soggetti ex minimi che hanno aderito al nuovo regime semplificato di cui all’art.27 c. 3 D.L. 98- 2011 ;
- tutte le Società di Capitali e di persone indipendentemente dal volume d’affari realizzato.

Comunicazione dati IVA: soggetti esonerati
Non sono obbligati a inviare la comunicazione dati IVA e risultano dunque esenti i seguenti soggetti:

- le persone fisiche con volume d’affari per l’anno 2014 pari o inferiore a 25.000 euro ;
- i soggetti che presentano entro il 02 Marzo 2015 la Dichiarazione Iva autonoma;
- i soggetti che nel 2014 hanno usufruito nel regime di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità (se però il soggetto fuoriesce dal regime in quanto raggiunge ricavi o compensi risultano superiori a 45.000 euro, l’esonero decade)
i soggetti che hanno effettuato nel 2014 solo operazioni esenti IVA art.10
- produttori agricoli con volume affari inferiore ai 7.000 euro;
- soggetti sottoposti a procedure concorsuali (fallimento, concordato preventivo ecc);
- Comuni, Province, Regioni e Amministrazioni dello Stato; Enti Pubblici e le Aziende sanitarie locali;
- l’imprenditore individuale con affitto dell’unica azienda;
- i soggetti domiciliati o residenti fuori dall’Unione europea, non identificati in ambito comunitario, che si sono identificati ai fini dell’IVA nel territorio dello Stato con le modalità previste dall’art. 74-quinques per l’assolvimento degli adempimenti relativi ai servizi resi tramite mezzi elettronici a committenti non soggetti passivi d’imposta domiciliati o residenti in Italia o in altro Stato membro;
- soggetti residenti in altri Stati della Ue che hanno effettuato nell’anno 2014 solo operazioni non imponibili od esenti o comunque senza obbligo di pagamento dell’imposta;
- soggetti che nel 2014 hanno effettuato solo operazioni escluse ovvero: cessione di tabacchi,cessione di giornali, lotto e lotterie,sale giochi );
- soggetti con detrazione IVA forfettaria ex art. 74 ovvero: imprese che esercitano attività di intrattenimento
- Associazioni sportive che applicano la legge 398-91( sempre se non superano il limite di ricavi previsto dalla Legge in euro 250.000 /anno);

Comunicazione dati IVA: dati esclusi
All’interno del modello non devono essere inseriti i seguenti dati:
- i versamenti ,le compensazioni, le eventuali rettifiche d’imposta o richieste di rimborso ;
- le operazioni escluse da IVA ( art.2 , art. 15 e fuoricampo ) , i dati relativi all’eventuale pro-rata IVA annuale ;
- le operazioni effettuate in regime di reverse charge (sia attive che passive);
- operazioni con esigibilità differita (IVA per cassa )
- Contabilità presso terzi: nella Comunicazione dati IVA non rilevano le operazioni emesse relative al mese di Dicembre 2014 (rilevano solo per la Dichiarazione IVA annuale);
- Autotrasportatori: la Comunicazione dati IVA coincide con la Dichiarazione IVA annuale anche se , dal punto di vista operativo, vi è uno spostamento nella determinazione delle operazioni a debito concesso dalla normativa per tale categoria di contribuenti;
- i soggetti che esercitano più attività devono presentare un solo modello di Comunicazione dati IVA ;
- operazioni straordinarie(Conferimenti,donazioni,successioni, fusioni e scissioni) : in caso di soggetti che hanno dato vita ad operazioni straordinarie vanno presentati più moduli per i relativi periodi (si devono quindi presentare diverse Comunicazioni prima e dopo le suddette operazioni ).

Per quanto riguarda i dati da inserire all’interno del modello, consultare il seguente articolo: Comunicazione Dati IVA 2014: come compilare il modello per le operazioni svolte

Comunicazione dati IVA: modalità di presentazione
La Comunicazione dati IVA può essere presentata esclusivamente per via telematica attraverso il sito dell’Agenzia delle Entrate.

Per maggiori informazioni consultare: Comunicazione dati IVA, scadenza 2 marzo: esonero, modalità di presentazione, sanzioni. Tutte le istruzioni

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse

Argomenti:

IVA Partita IVA

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

\ \