Come funziona il camper sharing? Ce lo racconta Dario Femiani, Country Manager Italia di Yescapa

Dario Femiani ci racconta come funziona la piattaforma di camper sharing Yescapa, spiegandoci in che modo possa essere utile per il proprietario del veicolo e per chi lo prenota.

Come funziona il camper sharing? Ce lo racconta Dario Femiani, Country Manager Italia di Yescapa

Semplicità, convivialità, risparmio economico, nuove conoscenze e affidabilità: sono questi i punti forti di Yescapa, la piattaforma di camper sharing leader in Europa nella condivisione di camper, van e furgoni camperizzati tra privati.
Arrivata in Italia nel 2018, Yescapa è nata 7 anni fa come un’avventura e si è trasformata oggi in una grande realtà imprenditoriale, con più di 6.500 veicoli disponibili, una community di oltre 250.000 utenti e una media di 100 camper che partono on the road in Europa ogni giorno.

Per scoprire da vicino il camper sharing, abbiamo intervistato Dario Femiani, Country Manager Italia di Yescapa.

  • Partiamo dall’inizio: come funziona Yescapa?

Potremmo dire che Yescapa sia l’Air Bnb dei camper: la piattaforma online infatti mette in contatto i proprietari di veicoli ricreazionali con i viaggiatori di tutto il mondo, proponendosi come intermediario di fiducia e assicurando una soluzione chiavi in mano per un viaggio in camper in totale libertà e convenienza. In pratica i proprietari di veicoli ricreazionali possono inserire il proprio annuncio e impostare le proprie tariffe. I viaggiatori possono scegliere tra un’ampia gamma di veicoli: dal grande camper per la famiglia dotato di ogni comfort, al minicamper, ai furgoncini volkswagen.
Il giorno della partenza, proprietario e viaggiatore si incontrano per la consegna delle chiavi, l’ispezione del veicolo e la firma del contratto: a questo punto, il proprietario riceve il suo compenso e il viaggiatore si gode il suo road trip in totale serenità. Il tutto senza dimenticare la sicurezza: Yescapa verifica i documenti degli utenti e offre la migliore assicurazione camper multi-rischi per tutto il periodo del viaggio nonché un’Assistenza stradale 24/7.

  • Yescapa è arrivata in Italia lo scorso anno: quali sono stati i risultati?

Gli italiani da tempo stanno sperimentando la sharing economy, grazie a piattaforme che permettono di affittare case tra privati o condividere passaggi in auto: con Yescapa abbiamo aggiunto un tassello importante per contribuire alla crescita dei viaggi in camper, offrendo una nuova soluzione tra privati basata su un modello collaborativo e complementare al tradizionale noleggio professionale. I numeri ci hanno confermato l’interesse degli italiani nei confronti del camper sharing: sono stati oltre 8mila gli utenti registrati nel 2018 nei primi 8 mesi di attività e più di 3.000 le richieste di viaggio nel nostro Paese generate dai veicoli immatricolati in Italia attualmente disponibili su Yescapa.

  • Quali sono i vantaggi di questa formula di condivisione?

I vantaggi ci sono per tutti: prima di tutto, il camper sharing consente a chi intende sperimentare un viaggio on the road in completa libertà di farlo a prezzi accessibili. Il nostro obiettivo è democratizzare l’utilizzo del camper, rendendolo alla portata di tutti: in particolare, il camper sharing è una modalità che permette di “svecchiare” il settore, avvicinando anche i Millennials italiani, sempre più attratti dalla possibilità di provare l’esperienza in camper in totale libertà.
In più, rappresenta una forma di rilancio del settore dei veicoli ricreazionali e di autofinanziamento del nuovo, offrendo ai proprietari di camper, van e furgoni camperizzati la possibilità di ammortizzare una parte del costo d’acquisto, oltre alle spese di mantenimento del veicolo. Si stima infatti che un camper venga utilizzato in media 70 giorni l’anno, ovvero appena il 20% del suo intero ciclo di vita, e che resti fermo per 295 giorni l’anno, a fronte di oltre 3.000 euro di costi ogni anno, tra bollo, assicurazione, revisione e manutenzione varia. Secondo i nostri calcoli, basterebbero 6 settimane di condivisione del proprio camper per ammortizzare completamente il costo di mantenimento annuale del veicolo: il compenso medio di un proprietario con il camper sharing è di circa 490 euro a settimana (70 euro al giorno). In Italia, nel 2018, Yescapa ha riversato ai proprietari italiani quasi 300mila euro.

  • Quali sono i progetti futuri di Yescapa?

Stiamo lavorando affinché Yescapa diventi punto di riferimento in Europa per i viaggi itineranti, dando sempre più opportunità di viaggiare alla community: un brand unico che offra soluzioni che facilitino l’accesso a tutti i tipi di veicoli ricreazionali per vivere esperienze indimenticabili. Anche per questo, nel 2019 stiamo lavorando alla costruzione di partnership con concessionari e allestitori di camper e furgoni camperizzati. I numeri ottenuti mostrano come il camper sharing possa contribuire in maniera sostenibile all’indotto economico locale generato dall’affluenza di viaggiatori e camperisti provenienti da tutto il mondo.

Iscriviti alla newsletter Green Economy per ricevere le news su Sharing economy

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.