Come i Mondiali di calcio influenzano i mercati finanziari

Tommaso Scarpellini

30/11/2022

30/11/2022 - 14:57

condividi

I mercati finanziari non sembrano indifferenti alla Coppa del Mondo di calcio. Ecco alcuni studi statistici che evidenziano strani comportamenti in borsa durante le partite.

Come i Mondiali di calcio influenzano i mercati finanziari

I volumi di scambio dei mercati azionari durante l’orario delle partite dei mondiali di calcio tende a diminuire in maniera rilevante. Ormai è diventata quasi una ricorrenza storica: la stessa evidenza si è manifestata nelle scorse edizioni. I volumi di contrattazione sui mercati aperti durante le partite più rilevanti sono drasticamente calati sia durante la Coppa del Mondo del 2010 in SudAfrica che in Brasile e Russia . Anche la FIFA World Cup del 2022 in Qatar sembra confermare questa statistica.

Cosa succede ai mercati durante una partita dei mondiali di calcio

Sembra quasi che i trader e gli algoritmi di trading si fermino per guardare la partita di calcio. Durante i mondiali del 2010 i volumi di scambio del mercato sono diminuiti in media del 55% nelle borse globali in concomitanza dello svolgimento delle partite di calcio che vedevano scontrarsi le squadre dei Paesi occidentali, specie gli Stati Uniti. Durante i mondiali in Brasile il calo è arrivato a toccare persino il 30% nelle borse europee e più del 40% in quelle statunitensi. Secondo uno studio di Michael Ehrmann, membro della BCE, anche i mercati obbligazionari sono stati in passato spesso colpiti da questa ricorrenza: durante i mondiali del 2006 e del 2010 i titoli di stato tedeschi hanno ridotto i volumi di scambio quasi del 50% durante alcune partite che vedevano come protagonista la Germania.

Le partite di calcio che vedono la partecipazione degli Stati Uniti risultano a livello statistico maggiormente incisive sui volumi di contrattazione: ad esempio il volume delle borse americane è spesso diminuito durante i mondiali del 2010 parallelamente allo svolgimento di partite riguardanti gli Stati Uniti. Nella giornata del 29 novembre 2022, che ha visto l’Iran scontrarsi con la squadra a stelle e strisce, c’è stato un lieve calo dei volumi di contrattazione accompagnato da un leggero decremento dei prezzi degli indici della borsa statunitense.

L’impatto dei mondiali sul trading

I trader e i gestori, sebbene non palesino questa evidenza, sembrano comunque molto influenzati da questo evento calcistico. Uno studio messo in atto da Bloomberg ha dimostrato che vendere allo scoperto i titoli a bassa capitalizzazione di un Paese la cui squadra probabilmente perderà i mondiali è tendenzialmente risultato redditizio in passato. Allo stesso modo, uno studio portato avanti da Goldman Sachs evidenzia addirittura l’esistenza di un premio per l’indice di riferimento della borsa del Paese vittorioso della Coppa del Mondo rispetto all’andamento delle borse dei Paesi perdenti.

A livello operativo, per un trader potrebbe essere d’aiuto almeno tenere presente l’orario in cui si terranno importanti partite di calcio in quanto non è tendenzialmente una buona pratica operare durante dump volumetrici.

Aiutaci a fare di più!

Vogliamo che i lettori siano al centro del nostro lavoro.

Tuttavia questo non è possibile se siamo sostenuti solo dalla pubblicità.

Attiva un abbonamento oggi stesso e scopri i vantaggi che ti abbiamo riservato.

ABBONATI E SOSTIENICI

Nessun commento

Gentile utente,
per poter partecipare alla discussione devi essere abbonato a Money.it.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO