Carnevale, nuova stretta in arrivo? Ordinanze possibili anche in zona gialla

Fiammetta Rubini

2 Febbraio 2021 - 13:57

condividi
Facebook
twitter whatsapp

Nuove misure restrittive anti-assembramenti per limitare le baldorie di Carnevale e San Valentino 2021 in piena emergenza Covid? Tra ordinanze regionali e nuovo decreto, ecco cosa può accadere.

Carnevale, nuova stretta in arrivo? Ordinanze possibili anche in zona gialla

Le sfilate, i carri e i festeggiamenti tipici del Carnevale 2021 sono annullati per via dell’emergenza Covid, ma con quasi tutta Italia in zona gialla e il Decreto Legge sugli spostamenti tra regioni vietati che sta per scadere, il rischio che la settimana di Carnevale (in cui ricade anche San Valentino) possa far saltare le norme anti-contagio è alto.

Per questo motivo non si esclude che possano arrivare nuove restrizioni ad hoc per Carnevale, come coprifuoco anticipato, maggiori controlli da parte delle forze dell’ordine, divieti o chiusura di strade e piazze nei giorni clue, emanate tramite ordinanze regionali o comunali.

Carnevale: misure restrittive da giovedì a martedì grasso?

Occhi puntati sulla settimana di Carnevale 2021 che va da giovedì grasso (11 febbraio) a martedì grasso (16 febbraio), giorni ad alto rischio assembramento o aggregazione tra feste in maschera e bambini in costume che si riversano nelle strade a giocare con coriandoli, stelle filanti e schiuma colorata.

Quest’anno, poi, la domenica di Carnevale coincide con San Valentino, occasione per gli innamorati per un weekend romantico, una gita fuori porta o un pranzo al ristorante.

Le prossime due settimane saranno determinanti per decidere se verranno allentate o ristrette le maglie delle limitazioni anti-Covid. A livello locale alcuni governatori o sindaci potrebbero però intervenire con ulteriori provvedimenti atti a bloccare eventuali iniziative spontanee che violano le norme (come party in maschera in casa o improvvisati nelle piazze) con l’obiettivo di scongiurare il rischio che il Carnevale, specie nelle zone in cui è particolarmente sentito, possa essere un evento di assembramento che favorisca i contagi.

Inoltre il 15 febbraio, a ridosso del martedì grasso, scade il Decreto Legge che vieta gli spostamenti tra regioni anche in zona gialla e stabilisce la chiusura degli impianti sciistici per gli amatori. Le ipotesi in campo a questo punto sono due: con un nuovo decreto il governo potrebbe prolungare la validità di quello attuale (quindi non aprire i confini regionali e le piste da sci da martedì 16 febbraio) oppure dare l’ok a graduali aperture, almeno in zona gialla.

La Campania pensa a un’ordinanza per Carnevale

Come riportato da Fanpage, in Campania il presidente Vincenzo De Luca starebbe prendendo in considerazione una nuova ordinanza restrittiva per la settimana di Carnevale e San Valentino 2021 per evitare che orde di gente in strada e un aumento degli spostamenti possano minare le regole anti-assembramento. Ma nessuna decisione è stata presa né annunciata: bisogna infatti vedere come si evolverà la situazione Covid nei prossimi giorni e se la curva dei contagi continuerà la sua discesa, si stabilizzerà o riprenderà a crescere.

La strada verso le restrizioni per blindare il Carnevale è aperta, e diverse regioni o comuni potrebbero decidere di seguirla. D’altronde non sarebbe una novità: già lo scorso Halloween la Liguria ha fissato il coprifuoco alle 21 dal 30 ottobre al 2 novembre per bloccare eventuali occasioni di festeggiamento e contagio. Anche De Luca all’epoca aveva annunciato un “coprifuoco di Halloween” in un video divenuto virale in rete, salvo poi anticipare le nuove misure restrittive di diversi giorni.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories