Bufale Facebook: Jessica Jones diventa la sorella pro-immigrati della Boldrini

Bufale Facebook: Laura Boldrini si conferma il bersaglio preferito dei supporter M5S. In un post la protagonista della serie Jessica Jones viene scambiata per sua sorella.

Bufale Facebook - Tra il M5S e Laura Boldrini non corre certo buon sangue. Negli ultimi anni da parte degli esponenti pentastellati sono arrivate aspre critiche verso la presidente della Camera, spesso accusata dai 5 Stelle di non essere all’altezza del suo compito istituzionale e di non garantire in maniera imparziale il regolare svolgimento del dibattito parlamentare in aula.

Lo scarso “feeling” (volendo ricorrere a un eufemismo) tra i deputati M5S e la Boldrini si riflette nell’antipatia quasi viscerale nutrita dalla base del Movimento Cinque Stelle per la terza carica dello Stato, la quale è spesso oggetto di post al vetriolo su forum e gruppi Facebook gestiti e frequentati da supporter grillini.

Capita però il più delle volte che gli attacchi a Laura Boldrini (così come ad altri personaggi politici invisi ai 5 Stelle) nascano da dichiarazioni totalmente inventate (e attribuite al nemico di turno) o da fatti mai accaduti, assunti come verità indiscutibili dal lettore poco attento, che finisce così per contribuire alla diffusione virale della bufala social.

Bufale Facebook: Jessica Jones diventa la sorella pro-immigrati della Boldrini

E’ il caso di una foto condivisa oggi da un utente sul gruppo Facebook “M5S”, il quale conta più di 35mila membri. Nel post, l’immagine di una ragazza mora dallo sguardo minaccioso è accompagnata dalla seguente didascalia:

“Questa è Luciana Boldrini, sorella minore del presidente della Camera Laura Boldrini, e gestisce 340 cooperative che si occupano di assistenza agli immigrati ma nessuno ne parla ovviamente”.

E se nessuno ne parla, un motivo forse c’è: la ragazza dell’immagine non è affatto la sorella della presidente della Camera, ma l’attrice Krysten Ritter, protagonista della serie tv di successo “Jessica Jones”, incentrata sulle vicende di una supereroina Marvel.

Qualcuno prova timidamente a far notare il clamoroso falso ma i commenti si perdono in un mare magnum di insulti e battutacce rivolte all’indirizzo della presidente della Camera e dell’ignara Jessica Jones, che avrà anche dei super-poteri ma certamente non quello di gestire 340 cooperative di assistenza ai migranti tutte insieme.

La frittata dunque è fatta: il post ottiene migliaia di like, condivisioni e commenti indignati, prima di essere definitivamente rimosso (dai gestori del gruppo o dallo stesso autore del post?).

Bufale Facebook: gli altri attacchi alla Boldrini

Ma la bufala in questione non rappresenta un caso isolato. A causa della sua posizione favorevole verso le politiche dell’accoglienza, Laura Boldrini è diventata il bersaglio preferito di notizie-bufala costruite ad hoc per titillare la xenofobia latente o manifesta degli utenti di Facebook, come quella sul reddito di dignità di 630 euro ai migranti o sulla rimozione dei santi dal calendario perché “offensivi verso le altre culture”, giusto per citarne alcune.

Iscriviti alla newsletter

Money Stories