Brexit: 4 motivi per cui Johnson potrebbe lasciare senza accordo

Brexit: i 4 fattori che potrebbero spingere Londra verso il temuto no deal

Brexit: 4 motivi per cui Johnson potrebbe lasciare senza accordo

Lo spettro di una Brexit no deal è tornato ad aleggiare sui negoziati fra le parti con l’arrivo della nuova settimana.

Londra infatti ha iniziato a prepararsi all’eventualità di uscita senza accordo, con il governo di Boris Johnson pronto a porre le basi per una nuova legislazione.

Se qualcuno ha definito questa mossa una mera strategia politica per ottenere di più dai negoziati con Bruxelles, altri si sono detti convinti che il primo ministro britannico non si farà problemi a portare a casa una Brexit no-deal e questo per diversi ordini di motivi.

Brexit: 4 motivi che potrebbero spingere Johnson verso il no deal

Secondo una recente analisi pubblicata da Bloomberg, ci sono ben 4 motivi che potrebbero spingere Johnson a lasciare senza accordo, concretizzando lo spettro di una Brexit no deal.

Innanzitutto il divorzio tra Regno Unito e Unione europea è diventato per Johnson qualcosa di personale. L’uomo ha guidato la campagna referendaria del 2016 e, nelle ultime elezioni, ha ottenuto una maggioranza schiacciante. Il completamento del processo sarebbe per lui una sorta di eredità.

In secundis, ha continuato il quotidiano, a Johnson “piace il gioco d’azzardo” e molte delle sue scommesse sono state ripagate. I suoi avvertimenti di inizio settimana riguardanti l’ipotesi di no deal potrebbero essere più di una semplice tattica.

Inoltre (e questo è il terzo fattore dell’analisi) mentre lo scorso anno il primo ministro è stato costretto a discutere con l’Irlanda, il contesto oggi è totalmente cambiato. La maggioranza del conservatore è molto più solida e “può fare praticamente ciò che vuole”, anche forzare un no deal in Parlamento.

Il quarto fattore che potrebbe spingere Johnson a lasciare senza accordo risiede nella diversa risonanza che sta avendo oggi la Brexit, passata praticamente in secondo piano a causa del coronavirus e della derivante crisi economica.

Al momento, comunque, non è ancora chiaro che direzione prenderanno i negoziati. Certo che l’eventuale no deal non passerà inosservato.

Argomenti:

Brexit Boris Johnson

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories