Borse europee in ribasso dopo verbali FOMC. Borsa Milano: ok Ucg, Ubi, Intesa e Saipem

Le Borse europee si muovono in cauto ribasso dopo le minute del FOMC. Attesa ora per i verbali della BCE in uscita alle 13:30. Milano: bene Ubi, Ucg e Intesa Sanpaolo.

Le Borse europee non hanno preso benissimo le valutazioni effettuate dai membri della Fed nell’ultima riunione di aprile. I listini europei si muovono in cauto ribasso in scia alla pubblicazione dei verbali del FOMC che hanno comportato un forte apprezzamento del Dollaro USA verso le maggiori valute ed una pressione a ribasso sul mercato delle materie prime. Le Borse europee ora attendono l’uscita delle minute della BCE che saranno rilasciate quest’oggi alle 13:30 italiane.

La Borsa Italiana anche si muove in rosso, in linea con il resto degli indici europei. Il Ftse Mib al momento scambia in calo del -0,41%, dopo aver perso oltre l’1% in avvio di seduta. Il listino milanese si mantiene quindi incerto vista la situazione generale anche se si sta mostrando più resiliente ai ribassi grazie ad alcuni titoli bancari e a Saipem.

Borse europee: dollaro forte riporta pressione sulle materie prime

Le Borse europee non sembrano aver gradito molto la prospettiva di un rialzo dei tassi USA nel prossimo mese. Seppur i mercati non diano molta credibilità alle affermazioni dei funzionari della Federal Reserve, le Borse stanno comunque scontando la notizia.

L’aumento delle aspettative su una nuova stretta monetaria dell’isituto centrale statunitense il prossimo mese ha fatto decollare il Dollaro americano, portando così una pressione a ribasso sul mercato delle materie prime.

Il petrolio è tornato a scambiare in rosso dopo parecchie sedute in rialzo. Attualmente, il WTI perde il -1,62% a quota $47,41 mentre il Brent lascia sul terreno il -1,82% a quota $48,06.

L’oro registra un brusco calo del -1,48%, pari ad un prezzo di $1.255,95. In rosso tutto il comparto con decisi cali per argento (-2,4%), platino (-1,66%) e rame (-1,15%).

Borse europee giù: Dax il più pesante. Wall Street attesa in rosso

I listini europei come descritto in precedenza scambiano tutti in territorio negativo. L’indice più pesante è il Dax che attualmente perde il -1,25%. In deciso calo anche il Ftse 100 di Londra che perde il -1,03% insieme all’Aex di Amsterdam che lascia sul terreno il -1,07%.

In discesa anche il Cac 40 francese che scambia in rosso del -0,53%, seguito dall’Ibex spagnolo con un -0,23%. L’EuroStoxx 50 invece registra un ribasso del -0,8%.

Wall Street è attesa negativa visto l’andamento dei futures sui listini USA. Il derivato sul Nasdaq segna un -0,22%, quello sullo S&P500 un -0,27% e quello sul Dow Jones un -0,3%.

Borsa Italiana: in rialzo Intesa, Ubi e Unicredit. Bene Saipem su newsflow comparto

La Borsa Italiana anche si muove in territorio negativo, registrando ancora una consisente dose di volatilità. Il Ftse Mib in avvio di seduta era arrivato a perdere oltre l’1%, salvo poi recuperare grazie ad alcuni titoli bancari e a Saipem. Al momento, il listino milanese scambia in rosso del -0,41%, allontanandosi così dai minimi di giornata.

I migliori titoli di oggi del Ftse sono quelli di Intesa San Paolo (+2,59%), Ubi Banca (+2,38%) e Saipem (+2,23%) con quest’ultima che ha preso beneficio dalla notizia di fusione tra la francese Technip e l’americana FMC Technologies.

Seguono Banco Popolare (+2,13%), dopo che il duo Saviotti-Castagna è stato insignito del premio manager dell’anno al Milano Finanza Global Awards, e Unicredit (+2,12%) che continua a beneficiare delle notizie su un possibile cambio di vertice.

Le azioni peggiori di oggi sono invece quelle di Eni (-2,2%) e Tenaris (-2,1%) sulle quali pesa il nuovo calo del petrolio. Male anche Snam (-1,83%), Prysmian (-1,62%) e Yoox NAP (-1,72%).

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.