Bonus ristrutturazioni 2019: sì alla detrazione anche senza comunicazione ENEA

Il contribuente può beneficiare delle detrazioni bonus ristrutturazioni anche se omette la comunicazione all’ENEA. Lo ha stabilito l’Agenzia delle Entrate nella risoluzione n. 46/E.

Bonus ristrutturazioni 2019: sì alla detrazione anche senza comunicazione ENEA

Bonus ristrutturazioni 2019: è necessaria la comunicazione all’ENEA per beneficiare delle detrazioni?

La risposta al quesito arriva dalla risoluzione numero 46/E (in allegato) del 18 aprile 2019, nella quale l’Agenzia delle Entrate conferma che il contribuente non perde il bonus ristrutturazioni se omette la comunicazione telematica all’ENEA.

Dunque, anche chi non rispetta l’obbligo di comunicazione ENEA per i lavori di ristrutturazione edilizia potrà beneficiare della detrazione fiscale Irpef del 50% delle spese sostenute. Tale comunicazione, tuttavia, resta obbligatoria, anche se priva di conseguenze fiscali e sanzioni per il contribuente che la omette.

La risoluzione dell’Agenzia delle Entrate arriva a pochi giorni dalla pubblicazione in modalità visualizzazione della dichiarazione dei redditi, ed è molto importante per capire quali spese inserire in detrazione nel modello 730/2019.

Bonus ristrutturazioni 2019: detrazione possibile anche senza comunicazione ENEA

A partire dal 1° gennaio 2018 anche agli interventi di ristrutturazione edilizia che comportano un risparmio energetico è stato esteso l’obbligo di comunicazione all’ENEA (Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile).

Nonostante l’obbligatorietà della comunicazione, l’Agenzia delle Entrate nella risoluzione numero 46/E ha sancito che anche in caso di omessa comunicazione, il contribuente non perde il diritto alla detrazione Irpef del 50%.

In altre parole, la comunicazione ENEA delle operazioni di ristrutturazione edilizia ha lo scopo di monitorare le spese e i lavori effettuati per migliorare il risparmio energetico, ma non rileva dal punto di vista fiscale.

Agenzia delle Entrate, risoluzione n. 46/E, 18 aprile 2019
Clicca qui per scaricare il pdf

Omessa comunicazione ENEA lavori di ristrutturazione: nessuna sanzione prevista

Nella richiamata risoluzione, l’Agenzia delle Entrate ha sottolineato che, in caso di omessa comunicazione ENEA, non solo il contribuente non perde la detrazione Irpef del 50% ma che non è prevista l’applicazione di nessuna sanzione o penale.

Nonostante ciò, la trasmissione per via telematica all’ENEA delle informazioni sugli interventi di recupero del patrimonio edilizio resta obbligatoria in quanto volta a monitorare e valutare il risparmio energetico conseguito.

L’Agenzia delle Entrate, infatti, rimarca che tale circostanza non è contemplata tra quelle che comportano la revoca del diritto a beneficiare delle detrazioni fiscali. A tal proposito viene richiamato il decreto interministeriale n. 41 del 1998, il quale tra i casi di diniego della detrazione (art. 4) non comprende la mancata o tardiva comunicazione ENEA, disciplinata dall’articolo 16, comma 2-bis del decreto legge n. 63 del 2013.

In altre parole, in mancanza di una specifica previsione normativa non può negarsi la detrazione per omesso o tardivo invio della comunicazione all’ENEA.

Iscriviti alla newsletter Fisco e Tasse per ricevere le news su Bonus ristrutturazioni

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.