Bitcoin: se avessi investito $178 nel 2010 ora saresti miliardario

Cosa sarebbe successo se avessi investito anche un solo dollaro in Bitcoin nel non lontano 2010? Semplice: saresti tra le persone più ricche del mondo.

Investire in Bitcoin non è semplice, ma quando un investimento è semplice raramente è profittevole. La criptovaluta dal sistema decentrato e peer-to-peer ne è uno dei massimi esempi.

Cosa sarebbe successo se avessi investito in Bitcoin nel 2010? Il tuo investimento oggi varrebbe milioni se non miliardi di euro e saresti annoverato tra le persone più ricche del mondo, alla stregua di personaggi come Warren Buffett e Bill Gates.

Oggi nessun investitore è più felice di chi ha scommesso sul Bitcoin fin dall’inizio. Recentemente il valore del Bitcoin è riuscito a superare quota 18.000 dollari. A maggio 2010, un Bitcoin valeva 0,003 dollari.

Se avessi investito nel 2010, ora saresti ricco come...

Diamo un’occhiata a quanti soldi avresti dovuto investire nel 2010 per avere un sacco di soldi come alcune delle persone più ricche del mondo:

Se avessi investito...Ora avresti in tasca...E saresti ricco come...
$49 $275 milioni Lady Gaga
$62 $350 milioni Beyoncé
$103 $580 milioni Madonna
$178 $1 miliardo J.K. Rowling
$535 $3 miliardi Oprah Winfrey
$3.706 $20,8 miliardi Elon Musk
$12.651 $71 miliardi Mark Zuckerberg
$13.898 $78 miliardi Warren Buffett
$14.522 $81,5 miliardi Jeff Bezos
$15.323 $86 miliardi Bill Gates

Scopri di più sull’infografica “Se avessi investito in Bitcoin” realizzata da Money.it:

Vediamo ora quale è stato l’andamento dell’investimento nella criptovaluta più diffusa al mondo negli ultimi anni, rimpiangendo di non aver colto prima l’opportunità offerta.

L’andamento del Bitcoin negli anni

Al fine di monitorare l’andamento dell’investimento in Bitcoin nel corso del tempo utilizziamo i prezzi di mercato forniti da CoinDesk, escludendo spese o operazioni aggiuntive per semplicità di calcolo, e ipotizziamo un acquisto di 100 dollari in bitcoin.

2011
Acquistando 100 dollari in Bitcoin il 1° gennaio 2011, avresti beneficiato del basso valore di mercato di 30 centesimi per bitcoin e ricevuto un totale di 333,33 Bitcoin per il tuo acquisto iniziale.
Dal momento che il Bitcoin ha scambiato a 6 centesimi per la maggior parte del 2010, la tempistica del tuo acquisto può dirsi buona. In questo primo anno, avresti assaporato l’alta volatilità della criptovaluta. Per un breve momento l’8 giugno 2011, il bitcoin ha raggiunto un livello di 31,91 dollari, rendendo il valore del tuo investimento di $10.636,56. Al 31 dicembre 2011, il Bitcoin scambiava a 4,72 dollari, rendendo i tuoi $100 iniziali $1.573,32.

2012
Il primo giorno del 2012 ha visto un prezzo di chiusura di 5,27 dollari, portando il tuo investimento a $1.756,65. Durante il primo trimestre del 2012, il prezzo di Bitcoin è sceso sotto quota $5. Ha iniziato ad apprezzarsi nuovamente nel maggio 2012 e ha chiuso a $13,51 il 31 dicembre 2012.

Il tuo investimento in quel momento sarebbe stato di $4.503,29. Nel 2012, solo poche aziende accettavano il Bitcoin come forma di pagamento. Il processore per il pagamento in criptovaluta BitPay aveva solo 1.000 aziende che utilizzano la sua piattaforma.

2013
A differenza dell’anno precedente, il 2013 ti avrebbe dato il benvenuto con una leggera discesa a 13,30 dollari, portando il tuo investimento ad un valore di $4.433,29. Durante la maggior parte di quest’anno, la volatilità della quotazione non ti avrebbe fatto dormire sonni tranquilli. Il 18 marzo 2013, la rete per la lotta contro i crimini finanziari (FinCEN) ha pubblicato delle linee guida per gli individui che utilizzavano Bitcoin negli Stati Uniti, causando problemi per molti, tra cui la famosa piazza di scambio di Bitcoin Mt. Gox. Gli attacchi da parte degli hacker contro diversi exchange di Bitcoin e la sequestro di oltre 170.000 Bitcoin da parte dell’FBI dal portale Silk Road hanno portato la quotazione sull’ottovolante.

Quando i media cinesi hanno iniziato a promuovere il bitcoin come una valuta alternativa e Baidu ha iniziato ad accettare la criptovaluta per il pagamento di alcuni servizi, il prezzo del bitcoin ha raggiunto il massimo di $1.147,25 e più di $1.200 in alcuni exchange il 4 dicembre 2013. Il valore del tuo investimento sarebbe stato di $382.412,84. Tuttavia, il bitcoin non ha performato bene per il resto dell’anno, finendo a $757,50 il 31 dicembre 2013, portando il tuo investimento a $252.497,48.

2014
La buona notizia è che, a differenza degli anni precedenti, nel 2014 avresti potuto utilizzare i tuoi bitcoin presso alcune aziende importanti. Inoltre, avresti potuto ritirare i tuoi profitti più facilmente attraverso una rete di bancomat di Bitcoin sempre più grande in tutto il mondo.

La brutta notizia è che avresti potuto vedere il tuo investimento crollare e raggiungere un livello minimo di 309,87 dollari per bitcoin il 30 dicembre 2014. Entro la fine dell’anno il tuo investimento avrebbe avuto un valore di $106.565,60.

2015
Nel 2015, il Bitcoin ha mostrato un trend ribassista fino a fine ottobre, quando la criptovaluta ha iniziato a scambiare nuovamente oltre quota $300. A dicembre 2015, il Bitcoin scambiava a 413,51 dollari, portando il valore del tuo investimento a $137.835,29, per un rendimento del 137.735,29% sui tuo 100 dollari iniziali. L’importo è meno della metà dei massimi storici fino a quel momento a 382.412,84 dollari a novembre 2013.

2016
Il bitcoin ha iniziato l’anno a 434,46 dollari e ha avuto un primo trimestre relativamente stabile. Intorno alla fine di maggio, tuttavia, il bitcoin è salito fino a raggiungere i massimi del 2014. Il forte aumento è stato dovuto alla domanda improvvisa da parte della Cina, che è diminuita nelle settimane successive spingendo il Bitcoin a 638,22 dollari alla fine del secondo trimestre. Il tuo investimento ora sarebbe stato di $212.737,87.

2017
Nel 2017 arrivano nuovi massimi storici oltre quota 18.000 dollari per Bitcoin grazie all’arrivo di futures sulla valuta.
La criptovaluta sta godendo di aumento notevolmente alimentato dalla normalizzazione della normativa globale, dall’ampio interesse nella tecnologia da parte delle imprese e delle banche e dall’aumento dei volumi di transazione.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories