BHP: rivoluzione in corso per il colosso minerario, via dal business oil

Violetta Silvestri

17 Agosto 2021 - 12:39

Il gigante australiano BHP ha annunciato una vera e propria svolta strategica: il colosso minerario guarda sempre di più a materie prime nuove e molto meno al settore oil.

BHP: rivoluzione in corso per il colosso minerario, via dal business oil

BHP Group ha svelato il cambiamento più radicale della sua attività da quando la più grande società mineraria del mondo è stato creato 20 anni fa.

Il colosso sta pianificando una “fuga” dai combustibili fossili per spostarsi verso quelle che chiama materie prime per il futuro. Abbandono degli idrocarburi e investimenti nei fertilizzanti: questa la strategia.

Inoltre, la società unificherà la sua struttura a doppia quotazione e passerà a un’unica quotazione primaria in Australia. Tutti i piani rivoluzionari di BHP.

BHP, si cambia: la svolta del colosso minerario

L’indice blue-chip FTSE 100 del Regno Unito è destinato a perdere la sua più grande azienda dopo che BHP ha dichiarato che avrebbe unificato la sua struttura a doppia società e spostato la sua quotazione sul mercato azionario principale in Australia.

La mossa è stata annunciata quando BHP ha presentato martedì un accordo per uscire da petrolio e gas, fondendo questo business con l’australiana Woodside Petroleum.

Ha anche dichiarato un dividendo finale record di $ 10,1 miliardi, mentre i profitti sono aumentati vertiginosamente sui prezzi in aumento delle materie prime.

L’unificazione della complessa struttura a doppia quotazione della società - che comprende BHP Ltd quotata a Sydney e BHP Plc quotata a Londra - insieme all’uscita dal petrolio sono alcuni dei cambiamenti societari più radicali della sua storia.

Fin dalla sua nomina a gennaio scorso, l’ad Henry ha cercato di concentrare il business verso metalli e minerali che trarranno beneficio dagli sforzi globali per ridurre le emissioni, elettrificare le città e nutrire una popolazione globale in crescita.

BHP genera la maggior parte dei suoi profitti dal minerale di ferro e dal rame, un metallo fondamentale per la transizione verso l’energia verde, e ha beneficiato dell’impennata dei prezzi di entrambe le materie prime nell’ultimo anno.

L’azienda sta anche cercando di vendere le sue attività relative al carbone termico e si sta espandendo nel nichel, un materiale vitale nelle batterie ricaricabili.

La mossa di uscire dal petrolio e dal gas arriva mentre l’industria dei combustibili fossili è alle prese con la pressione globale di investitori e governi sull’azione per il clima.

Sebbene BHP abbia affermato di aspettarsi che la domanda rimanga forte per almeno un altro decennio, l’azienda vuole evitare di rimanere bloccata con asset che diventeranno più difficili da vendere.

BHP punta sui fertilizzanti

A testimonianza di nuove vedute, BHP ha finalmente approvato la prima fase di costruzione della miniera di potassio Jansen nel Saskatchewan, in Canada, dopo anni di oscillazioni sull’enorme prezzo da pagare.

L’operazione, che dovrebbe iniziare la produzione nel 2027, la renderà uno dei principali produttori mondiali di fertilizzanti.

BHP ha già speso circa 4,5 miliardi di dollari per Jansen e scavato due pozzi profondi 1.000 metri (3.300 piedi).

I prezzi del potassio sono aumentati quest’anno a causa della forte domanda e delle preoccupazioni sull’offerta dopo che la Bielorussia, una delle poche nazioni produttrici, è stata colpita dalle sanzioni.

Da non perdere su Money.it

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.