Tonfo Mps in Borsa: il motivo nell’aumento di capitale

Violetta Silvestri

16 Febbraio 2022 - 13:04

condividi

Azioni Mps in picchiata a Milano: il titolo va in rosso da inizio seduta, trainato al ribasso da indiscrezioni (poi smentite) sulla necessità di un maggiore aumento di capitale. Cosa c’è da sapere.

Tonfo Mps in Borsa: il motivo nell'aumento di capitale

Azioni Mps in forte calo oggi in Borsa: il titolo perde oltre il 4% mentre si scrive.

Il motivo di questo scossone nelle negoziazioni a Piazza Affari è tutto in nuove indiscrezioni sull’entità dell’aumento di capitale.

Dopo l’indiscrezioni di Bloomberg sulla necessità di 1 miliardo in più rispetto ai 2,5 previsti dal piano industriale, l’istituto senese ha smentito. Cosa succede davvero?

Intanto, le azioni Monte dei Paschi di Siena scambiano a 1,00 euro con un crollo del 4,00% alle ore 12.51.

Azioni Mps crollano: il nodo è l’aumento di capitale

“Con riferimento a notizie di stampa relative ad un potenziale aumento di capitale di Banca Monte dei Paschi di Siena S.p.A (la “Banca”) dell’importo di 3,5 miliardi di euro, si precisa che si tratta di indiscrezioni che non trovano alcun fondamento in iniziative avviate dalla Banca:” questa la nota serale dell’istituto senese pubblicata ieri, 15 febbraio.

La necessità della precisazione si è palesata in seguito a rumor diffusi da un articolo di Bloomberg.

Secondo il giornale, il divario di capitale si è ampliato dopo che la direzione ha esaminato il piano di ristrutturazione necessario in seguito al fallimento del governo italiano lo scorso anno nel vendere l’istituto di credito senese a UniCredit. Una valutazione finale sull’aumento di capitale non è stata ancora presa in quanto dipende dal costo della ristrutturazione e dall’importo totale dei tagli di posti di lavoro che comporta, ha riportato Bloomberg citando persone vicine alla banca.

Nonostante la smentita ufficiale, le azioni Mps stanno subendo il colpo, con un -4,04% alle ore 12.58 circa.

Equita, in un commento su Milano Finanza, ha dichiarato che “è presumibile ipotizzare che il nuovo ceo Lovaglio possa avere bisogno di tempo per fare una valutazione della situazione della banca in modo da definire l’esatto ammontare dell’aumento di capitale.”

Il cambio al vertice in Monte dei Paschi è citato anche dagli analisti di Intesa Sanpaolo come possibile necessità di rivedere il piano di ristrutturazione. Secondo gli esperti, aumentare di 1 miliardo quanto stabilito, sarebbe da una parte un segnale negativo per la banca, dall’altro positivo in termini di consolidamento.

Restano accesi, visto il contesto, i riflettori sulla Banca senese.

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

SONDAGGIO