Autostrade a rischio rincaro, da luglio +19%

In vista dell’estate, gli automobilisti rischiano di dover pagare pedaggi di gran lunga più cari

Autostrade a rischio rincaro, da luglio +19%

Le vacanze degli italiani rischiano di essere rovinate da una nuova stangata. Dal prossimo 1° luglio il pedaggio sulle autostrade A24 - A25 potrebbe subire un rincaro del 19%.

L’allarme arriva dalla concessionaria, la società Strada dei Parchi, che annuncia infatti un aumento delle tariffe. Soltanto un intervento del Governo potrebbe scongiurare tale evenienza.

Autostrade A24 - A25 più care da luglio

La società Strada dei Parchi è stata convocata, giovedì prossimo, nella sede del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti per scongiurare l’aumento dei pedaggi, previsto per legge su tutte le autostrade d’Italia, ma anche per arrivare a un’intesa definitiva che sia effettivamente sostenibile per la gestione dell’A24 e dell’A25 che collegano l’Autostrada del Sole A1 all’Autostrada Adriatica A14.

Dopo che nove mesi fa, nel mese di ottobre prima e a gennaio poi, Strada dei Parchi aveva deciso di congelare le tariffe sui due tratti

“come segno di attenzione e sostegno al territorio abruzzese e del Lazio”,

torna l’incubo rincari. A partire dal prossimo mese, proprio in occasione dei primi esodi estivo, i pedaggi sulle autostrade che collegano il centro del Paese potrebbero subire un incremento anche del 19%.

Dalla società concessionaria chiedono un’interlocuzione stabile al ministero per poter affrontare un tema che tanto preoccupa gli automobilisti, e non solo quelli abruzzesi e laziali. Dal Mit replicano che il canale del dialogo è sempre aperto, come - spiegano - è già “avvenuto in modo fruttuoso nelle ultime settimane sul dossier Gran Sasso”.

La concessionaria avrebbe già chiesto al Mit un’anticipazione di risorse pubbliche a valere sul Fondo infrastrutture per proseguire gli interventi di messa in sicurezza delle arterie e delle gallerie presenti.

“È grazie all’impegno determinante del Mit se sono stati evitati i rincari sulle autostrade, sia nell’autunno scorso sia, soprattutto, a inizio 2019 su circa il 90% della rete,”

affermano dal Ministero, ribadendo la volontà di arrivare a una soluzione della questione.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Argomenti:

Italia Trasporti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.