Aumento pensione di invalidità non riconosciuto, ecco perchè

Non a tutti gli invalidi al 100% è stato riconosciuto l’aumento della pensione di invalidità. Nella maggior parte dei casi la motivazione va ricercata nel reddito.

Aumento pensione di invalidità non riconosciuto, ecco perchè

Dal 2 novembre gli invalidi civili totali hanno diritto all’aumento della pensione di invalidità (con relativi arretrati). Ma in molti casi i lettori di Money.it ci stanno scrivendo segnalando che nella pensione di novembre (ricordiamo che è stata pagata in anticipo a partire da fine ottobre) non hanno trovato né aumento né arretrati.

Ricordiamo, prima di procedere, che per avere diritto all’aumento è necessario il rispetto dei limiti di reddito imposti dalla normativa di riferimento che sono di:

  • redditi personali, comprensivi dell’importo della pensione di invalidità, non superiori a 8469 euro l’anno
  • reddito coniugali (redditi personali dell’invalido sommati a quelli del coniuge) non superiori a 14.447,42 euro l’anno.

Aumento pensione di invalidità non riconosciuto

Come abbiamo anticipato sopra l’aumento della pensione di invalidità spetta agli invalidi civili totali che abbiano un reddito personale annuo inferiore a 8469 euro. Tale importo è dato da quello della pensione di invalidità più l’eventuale aumento (651,51 euro mensili per 13 mensilità) ed in esso, quindi, va considerata anche la cifra percepita a titolo di invalidità (sole eventuale indennità di accompagnamento non va considerata nel conteggio).

L’invalido civile, quindi, che oltre alla pensione di invalidità ha altri redditi, pur mantenendo il diritto ai 286 euro mensili, non si vedrà riconoscere l’aumento.

Va considerato, inoltre, anche il reddito dell’eventuale coniuge che sommato a quello dell’invalido non deve superare i 14447,42 euro l’anno.

Per gli invalidi, quindi, che hanno redditi derivanti anche da assegno ordinario di invalidità, da eventuali pensioni di reversibilità di coniugi o genitori, che percepiscono insieme al coniuge un reddito di cittadinanza da soli o insieme al coniuge l’aumento dell’assegno di invalidità non è stato riconosciuto.

Riportiamo il caso di una lettrice di Money.it che ci scrive:

“Salve,mio padre è invalido civile al 100% non ha altri redditi,mentre mia mamma ha il reddito di cittadinanza di 980€ ,non riusciamo a capire come mai avendo lui 65 anni non li abbiano aumentato l’invalidità.”.

Se somma la pensione di invalidità di suo padre (286 euro per 13 mensilità) al reddito di cittadinanza che i suoi genitori percepiscono per il loro nucleo familiare (980 euro per 12 mensilità) il limite dei 14447 euro annui è superato e proprio per questo motivo a suo padre non è stato riconosciuto l’aumento della pensione di invalidità.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories
SONDAGGIO

2122 voti

VOTA ORA