Aumento pensione di invalidità: il reddito del compagno fa cumulo?

Quali sono i redditi che si devono considerare per avere diritto all’incremento al milione per la pensione di invalidità degli invalidi totali?

Aumento pensione di invalidità: il reddito del compagno fa cumulo?

Partiamo dal presupposto che l’incremento al milione della pensione di invalidità degli inabili totali, spetta a tutti gli invalidi al 100% che hanno redditi compresi nei limiti imposti dalla legge.

Rispondiamo ad un lettore di Monay.it che ci scrive:

“Salve io percepisco l’invalidità del 100% convivo con il mio compagno e nel reddito non supero gli 8mila euro, ho un dubbio considerano il mio reddito personale o anche quello del mio compagno? Grazie”

Pensione invalidità civile, quali redditi?

La normativa prevede che l’incremento al milione spetti se i limiti di reddito sono inferiori a:
• 8.469,63 euro per il pensionato solo
• 14.447,42 euro per il pensionato coniugato.

Non vengono presi in considerazione, per il diritto, i redditi di altri familiari conviventi con il disabile.

Ed è presumibile, quindi, che il reddito del compagno, non essendo neanche un familiare, non venga preso in considerazione.

La cosa da sottolineare, però, è che non si parla di un aumento della pensione di invalidità quanto di un’incremento al milione che coinvolge tutti i redditi del pensionato.

Per il pensionato che percepisce solo la pensione di invalidità, senza altri redditi, l’incremento al milione spetta a 651,51 euro mensili. Si parla quindi di 651,51 euro per 13 mensilità la cui somma è 8469 euro. Al pensionato che percepisce il solo assegno di invalidità da 286 euro mensili, quindi, spetterà un aumento mensile di circa 365 euro al mese per 13 mensilità.

Per l’invalido che percepisce altri redditi, oltre l’invalidità, l’aumento sarà calcolato incrementando al milione i redditi mensili e di conseguenza lo stesso potrebbe essere anche più basso di 365 euro mensili.

«Se hai dubbi e domande contattaci all’indirizzo email chiediloamoney@money.it»

Iscriviti alla newsletter

Money Stories