Assunzioni Ministero della Giustizia: 1031 posti. Requisiti, posizioni aperte, come candidarsi, tutte le informazioni

il Ministero della Giustizia offre 1031 posti di lavoro in differenti settori. Ecco quali sono le posizioni aperte, i requisiti d’accesso e le modalità di presentazione della domanda

Il Ministero della Giustizia è in cerca di personale e ha intenzione di trovarlo indicendo un apposito concorso. Le posizioni disponibili sono in totale 1031, distribuite in vari settori.

Ecco dunque quali sono i requisiti, le posizioni aperte e come accedere al concorso.

Assunzioni Ministero della Giustizia: posizioni aperte

Come detto in precedenza i posti disponibili sono nel complesso 1031 tra assistenti, funzionari, cancellieri e direttori amministrativi. Nello specifico le posizioni aperte sono le seguenti:

- 7 posti di assistente informatico;
- 8 posti di funzionario contabile;
- 29 posti di cancelliere;
- 88 posti di direttore amministrativo;
- 160 posti di assistente giudiziario;
- 739 posti di funzionario giudiziario.

Assunzioni Ministero della Giustizia: requisiti d’accesso
Poter accedere alla procedura di mobilità, i candidati devono possedere determinati requisiti al momento della scadenza del termine per la presentazione delle domande.

I requisiti sono i seguenti:

- essere dipendente di ruolo, con rapporto di lavoro a tempo pieno e indeterminato, in una delle Pubbliche Amministrazioni di cui all’art. 1, comma 2, del D.Lgs. 165/2001 e s.m.i., ovvero in uno dei Dipartimenti del Ministero della Giustizia diversi dall’Organizzazione giudiziaria, soggetti a regime di limitazione delle assunzioni di personale a tempo indeterminato, espressamente dichiarata dall’amministrazione di provenienza del medesimo dipendente;

- appartenere, nell’ambito di una stessa figura professionale, ad area e profilo professionale corrispondente a quello per il quale si intende proporre domanda di trasferimento, secondo quanto precisato nel successivo articolo 3 e così come specificato nella descrizione dei singoli profili professionali riportati all’articolo 7;
non avere in corso procedimenti penali pendenti e non aver riportato condanne penali che impediscano, ai sensi delle vigenti disposizioni in materia, la costituzione di un rapporto di lavoro con Pubbliche Amministrazioni;
- non avere in corso procedimenti disciplinari e non aver subito sanzioni disciplinari nei due anni precedenti la data di scadenza del presente avviso;
godimento dei diritti civili e politici;
- avere già superato il periodo di prova presso l’Amministrazione di appartenenza,

Non possono presentare domanda e risultano quindi esclusi tutti i dipendenti a tempo pieno e indeterminato già assunti ai sensi dell’art.3 e 18 della legge 68/1999.

Assunzioni Ministero della Giustizia: come presentare domanda
Per presentare richiesta di accesso alla procedura di mobilità il candidato deve compilare la domanda di ammissione e inviarle a:

Ministero della Giustizia - Dipartimento dell’Organizzazione Giudiziaria del Personale e dei Servizi - Direzione Generale del Personale e della Formazione - Ufficio III Concorsi e Assunzioni - Via Arenula n. 70 - 00186 ROMA.

Il Ministero specifica che le domande devono essere presentate solo mediante una delle modalità specificate all’interno del bando:

- tramite consegna diretta al Ministero della Giustizia – Via Arenula n. 70 ROMA nei giorni dal lunedì al venerdì: dalle ore 08:30 alle ore 13:30 e dalle ore 14:00 alle ore 16:50; il sabato dalle ore 8:30 alle ore 12:50.
- tramite spedizione a mezzo raccomandata con avviso di ricevimento.
- tramite invio al seguente indirizzo di posta elettronica certificata (PEC): mobilitagiustizia.dog@giustiziacert.it

Iscriviti alla newsletter Lavoro e Diritti

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.