Sorpresa Argentina: trovato accordo con i creditori, ma cosa prevede?

L’Argentina ha raggiunto un accordo con i creditori: cosa prevede l’intesa da 65 miliardi di dollari?

Sorpresa Argentina: trovato accordo con i creditori, ma cosa prevede?

Dopo mesi di discussioni e disaccordi, l’Argentina ha finalmente raggiunto un accordo con i suoi creditori per la ristrutturazione di $65 miliardi di debito sovrano.

Ad annunciarlo lo stesso governo di Buenos Aires, le cui comunicazioni hanno permesso alle obbligazioni del Paese (in euro) di avanzare vistosamente, dopo i guadagni già registrati nella scorsa sessione.

Debito Argentina: cosa prevede l’accordo con i creditori

L’arrivo del coronavirus non ha fatto che peggiorare la già difficile situazione economica dell’Argentina, che ha dovuto fare i conti con l’aumento della povertà e della disoccupazione, oltre che con la salita dei tassi di interesse.

A maggio scorso, precisamente il 22 del mese, il Paese ha ammesso di non essere stato in grado di pagare 503 milioni di dollari di interessi su tre obbligazioni sovrane, confermando così quello che molti hanno definito default tecnico.

Il tutto mentre il governo ha prorogato fino al 2 giugno i termini per raggiungere un accordo con i creditori, volto alla ristrutturazione di oltre 60 miliardi di dollari di debito.

La trattativa è però entrata in stallo proprio con l’arrivo dell’estate, quando l’Argentina si è detta impossibilitata ad impegnarsi responsabilmente ad osservare i termini offerti. L’ultimatum è stato rimandato ancora.

La situazione si è inevitabilmente complicata, ma oggi, dopo mesi di estenuanti trattative la quadra è stata trovata. Con il nuovo accordo i titoli di debito da ristrutturare, emessi sia nel 2005 che nel 2010 e a partire dal 2016, verranno scambiati con nuovi titoli (in dollari ed euro) che avranno scadenze negli anni 2029, 2030 e 2038. Il tutto, ha confermato il governo:

senza aumentare l’ammontare totale dei pagamenti principali o degli interessi che l’Argentina si impegna a realizzare e allo stesso tempo migliorare il valore della proposta per la comunità dei creditori”

In virtù dell’accordo i tre grandi gruppi di creditori - Ad Hoc Group of Argentine Bondholders, Exchange Bondholder Group, e l’Argentina Creditor Committee - tenteranno di aiutare il Paese a ristrutturare ben 65 miliardi di dollari di debito.

Iscriviti alla newsletter

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Money Stories