Chi è Antonio Misiani, il nuovo viceministro all’Economia del governo M5S-PD?

Antonio Misiani è il nuovo viceministro all’Economia del governo Conte bis: la biografia e la storia politica dell’esponente del Partito Democratico che sarà uno dei protagonisti della stesura della prossima legge di Bilancio.

Chi è Antonio Misiani, il nuovo viceministro all'Economia del governo M5S-PD?

Da quando è nato il Conte bis, il nome di Antonio Misiani è stato uno dei più chiacchierati in merito alla composizione della squadra del nuovo governo giallorosso. All’inizio infatti per il senatore del Partito Democratico si parlava di un possibile incarico da ministro dell’Economia.

Alla fine per la guida di Palazzo Tesoro è stato scelto il compagno di partito Roberto Gualtieri, con Misiani che comunque si è potuto “accontentare” della nomina come uno dei due viceministro all’Economia insieme a Laura Castelli del Movimento 5 Stelle.

Leggi anche La lista dei viceministri e sottosegretari del governo Conte bis

Parlamentare dem di lungo corso ed ex tesoriere del partito quando alla segreteria c’era Pier Luigi Bersani, Antonio Misiani all’interno del PD si è sempre occupato di finanza e bilancio: adesso però insieme a tutta via XX Settembre sarà chiamato alla difficile partita di una manovra dove si dovrà cercare di evitare in ogni modo l’aumento dell’Iva.

Chi è Antonio Misiani

Nome: Antonio Misiani

Data di nascita: 4 settembre 1968

Luogo: Bergamo

Famiglia: sposato con due figli

Istruzione: laurea in Economia Politica

Lavoro: consulente

Partito: Partito Democratico

Ruolo: viceministro dell’Economia

Viceministro all’Economia del governo M5S-PD

Bocconiano laureato in Economia Politica e con alle spalle anni di lavoro nelle vesti di consulente finanziario, la carriera politica di Antonio Misiani è partita nei primi anni ‘90 dalla classica gavetta della Sinistra Giovanile di Bergamo.

Con gli anni poi l’attuale viceministro ha compiuto tutti gli step all’interno del partito: segretario provinciale e poi nella segreteria regionale degli allora Democratici di Sinistra, eletto nel 1995 per la prima volta consigliere comunale a Bergamo (tra il 2004 e 2006 è stato anche assessore al Bilancio) passando poi alla Provincia.

Nel 2006 viene eletto per la prima volta deputato tra le fila dell’Ulivo: da allora non ha più abbandonato il Parlamento, passando però al Senato durante le ultime elezioni rimanendo sempre fedele al Partito Democratico.

Considerato nel gioco delle correnti all’interno del PD un “orlandiano”, ha spesso preso parte alla commissione Bilancio in Parlamento dove siede anche in questa nelle vesti di capogruppo dem al Senato.

Quando a causa della crisi agostana provocata da Matteo Salvini è nato il governo giallorosso, il nome di Antonio Misiani è stato subito fatto come possibile ministro dell’Economia del governo Conte bis.

Dopo la scelta di Roberto Gualtieri come titolare di Palazzo Tesoro, è stato comunque nominato viceministro all’Economia e anche a lui spetterà l’arduo compito di disinnescare le clausole di salvaguardia per evitare l’aumento dell’Iva.

Iscriviti alla newsletter Notizie e Approfondimenti per ricevere le news su Antonio Misiani

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.