Analisi criptovalute: Btc/Usd mette pressione al supporto a 6.000 dollari, quali prospettive?

Il cambio Btc/Usd ha messo sotto pressione il supporto statico a 6.000 dollari, che per il momento sembra tenere. Vediamo con l’ausilio dell’analisi tecnica i principali livelli da tenere a riferimento

Analisi criptovalute: Btc/Usd mette pressione al supporto a 6.000 dollari, quali prospettive?

Tempi duri per il Bitcoin ed il relativo riferimento verso il dollaro americano. Dopo il crollo di venerdì il cambio BTC/USD ha messo sotto pressione il supporto statico a 6.000 dollari, ultimo baluardo prima dei successivi riferimenti grafici di supporto a 5.600 e poi a 5.477 dollari.

Per il momento la zona a 6.000 sembra tenere, confermando la sua valenza sia grafica che psicologica. Le quotazioni si trovano ora ad un bivio, con la candela di venerdì 22 giugno come spartiacque per una presa di forza del rimbalzo e quota 6.000 come ultima barriera prima di un’altra possibile accelerazione ribassista.


Grafico giornaliero BTC/USD spot; fonte: Bloomberg

Solo se le quotazioni dovessero recuperare il livello strategico a 6.500 dollari potrebbero subentrare nuovi operatori rialzisti sul mercato che potrebbero far apprezzare il cambio anche fino a quota 7.000 dollari, successivo riferimento psicologico e resistenza di matrice statica.

Analisi Bitcoin: il quadro tecnico di lungo periodo


Grafico settimanale BTC/USD spot; fonte: Bloomberg

Anche con un’analisi di più lungo periodo la situazione grafica non appare comunque molto chiara. L’attuale supporto a 6.000 dollari è stato ereditato dai precedenti minimi del 6 febbraio. Per capire la solidità di questo sostegno, e con una forza a rialzo così bassa, si dovrebbe attendere una candela giornaliera con un corpo esteso, per provare ad entrare contro la tendenza ribassista ormai in atto da più di sei mesi.

A questo punto sembrerebbe che la fase ribassista dettata dai tre top decrescenti del 18 dicembre 2017, 5 marzo e 4 maggio 2018 stia ormai assumendo i contorni di un trend primario. In questo quadro andare long sul Bitcoin sarebbe un po’ come tentare di afferrare un coltello che cade, soprattutto utilizzando uno strumento solitamente molto volatile come il cambio Btc/Usd.

L’analisi grafica del future sul Bitcoin scambiato al CME

Dal punto di vista degli strumenti operativi che si prestano all’operatività sul Bitcoin prendiamo in esame il prezzo del future generico negoziato dal dicembre del 2017 al Chicago Mercantile Exchange (CME).

Possiamo notare che dal momento del lancio il prezzo del derivato agganciato ai corsi del Bitcoin ha perso costantemente valore, scendendo da una quotazione prossima ai 20.000 dollari fino al minimo toccato venerdì a 5.960 dollari.

Importante notare i volumi di negoziazione, sempre crescenti nelle fasi calanti del prezzo e, al contrario, stabili su livelli molto bassi quando il prezzo ha tentato delle timide reazioni come quella avvenuta a cavallo fra la seconda metà di aprile e la prima settimana di maggio.

Strategie operative su Bitcoin

Il suggerimento operativo è quindi quello di attendere un segnale tecnico più chiaro che potrebbe arrivare dalla rottura o dal recupero dei livelli grafici menzionati ad inizio analisi, così da poter operare con la consapevolezza di avere a disposizione maggiori elementi di analisi tecnica a supporto di un’operazione con maggiori possibilità di esito positivo.

Operativamente quindi si potrebbe entrare short alla rottura del supporto di 6.000 con stop loss sopra la metà della candela di venerdì 22 giugno 2018 a 6.500. L’obiettivo principale per questa operazione si può trovare a 5.500 e quello finale a 5.400.

Per un’operatività long invece conviene aspettare, per avere meno rischi, un recupero di quota 6.500, in questo caso un’operazione rialzista con stop loss sotto 6.000 e obiettivo intermedio e finale collocati rispettivamente a 7.000 e 7.100 dollari.

Iscriviti alla newsletter per ricevere le news su Bitcoin

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.