Analisi azioni: Enel, il trend ribassista ha i giorni contati?

Il titolo del settore energetico continua il suo declino, ma la trendline supportiva di lungo periodo potrebbe favorire una ripresa delle quotazioni

Analisi azioni: Enel, il trend ribassista ha i giorni contati?

Continua il ribasso per Enel che da maggio arriva a perdere il 21,50% ai livelli attuali, portandosi a ridosso di un importante trendline supportiva di lungo termine visibile collegando il minimo segnato il 24 luglio 2012 a 2,02 euro, il minimo segnato il 15 luglio 2013 a 3,33 euro, ora transitante a 4,26 euro in prossimità del livello di chiusura di ieri.


Enel, grafico settimanale. Fonte: Bloomberg

Una ripresa delle quotazioni potrebbe essere imminente dai livelli attuali e a dircelo è la price action del titolo, che al momento della scrittura, sta disegnando una candela doji, la quale insieme alla candela precedente (una marubozu ribassista), fa pensare ad una prossima formazione di un pattern Morning Star rialzista, in confluenza proprio con il livello supportivo di lungo termine precedentemente menzionato.


Enel, grafico giornaliero. Fonte: Bloomberg

Fai trading ora con eToro Demo gratuita

Strategia operativa su Enel


Elaborazione Ufficio studi Money.it

Alla luce dell’analisi tecnica sul titolo Enel si privilegia, nonostante il forte momentum ribassista, un operatività di matrice rialzista. L’operatore più aggressivo potrebbe entrare a mercato alla rottura della trendline precedentemente menzionata ora transitante a 4,26 euro, per un operatività più conservativa, invece, alla rottura del massimo della candela di venerdì scorso a 4,31 euro, in ogni caso il primo obiettivo potrebbe essere identificato a quota 4,55 euro livello statico che conta i minimi segnati il 5 marzo e il 29 maggio scorsi. Lo stop loss andrebbe posizionato in area 4,21, al momento il minimo della seduta odierna.

Se questo livello dovesse essere violato allora si potrebbero vedere i corsi di Enel arrivare a quota 4,93 euro livello resistenziale testato più volte dai prezzi nel mese di marzo, maggio, giugno e luglio di quest’anno. Nel caso di un’operatività di tipo rialzista bisognerà prestare attenzione alla trendline discendente che collega i massimi segnati il 7 maggio e il 20 luglio scorsi, ora transitante a 4,66 euro.

Iscriviti alla newsletter settimanale per ricevere le news e le analisi più importanti sui Certificati

Condividi questo post:

Commenti:

Prova gratis le nostre demo forex

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Potrebbero interessarti

Ufficio Studi Money.it -

Azioni Tim: impasse su dossier cessioni spinge il titolo verso baratro

Azioni Tim: impasse su dossier cessioni spinge il titolo verso baratro

Commenta

Condividi

Ufficio Studi Money.it -

Analisi Forex: EUR/AUD, un pullback fornirà nuovi ingressi short?

Analisi Forex: EUR/AUD, un pullback fornirà nuovi ingressi short?

Commenta

Condividi

Ufficio Studi Money.it -

Analisi azioni: Tenaris non ferma la fame di rialzo, prossima fermata a 16 euro

Analisi azioni: Tenaris non ferma la fame di rialzo, prossima fermata a 16 euro

Commenta

Condividi