Amazon cloud, lo userà anche la CIA per spiarci meglio

Si rafforza la partnership tra il sito di e-commerce e l’agenzia di spionaggio americana, che utilizzerà i servizi di cloud computing e le applicazioni software

La CIA rafforza la sua alleanza con Amazon: l’agenzia di spionaggio utilizzerà infatti il software di cloud computing dell’azienda americana per il proprio lavoro di analisi. A rivelarlo è stato Doug Wolfe, responsabile delle informazioni della Central Intelligence Agency, nel corso di un raro discorso pubblico. Wolfe ha fatto riferimento alle operazioni in corso in Ucraina e in Iraq come esempi di quanto «la complessità delle missioni» richieda le migliori tecnologie.

Un bell’attestato di stima per la divisione cloud della società di Jeff Bezos, la Amazon Web Services, che conta già server in otto diverse zone del mondo (dagli USA a Singapore, Giappone, Brasile e Irlanda) e vanta tra i suoi clienti agenzie pubbliche e aziende private di primo livello (da Netflix alle ferrovie francesi, dal giornale inglese Guardian ad alcuni laboratori della NASA): secondo indiscrezioni affidabili fatturerebbe la bellezza di un miliardo di dollari all’anno.

Gli spioni statunitensi hanno già in essere un contratto da 600 milioni di dollari con la compagnia di e-commerce per la gestione del servizio di cloud computing con i loro server, ma ora la partnership verrà ampliata prevedendo anche l’utilizzo delle applicazioni software di Amazon.

Tra queste Wolfe ha citato Kinesis e Redshift, che consentono di processare e analizzare flussi enormi di dati. Ma ha speso parole di elogio anche per Marketplace, un servizio modellato proprio su quello che resta il core business di Amazon: il sito di e-commerce, nel quale i clienti possono cercare nell’enorme offerta di prodotti e comprarli con pochi click.

Un altro passo avanti nella strategia della società americana di differenziare il proprio business rispetto alla semplice vendita online di libri, CD e altri oggetti che ha fatto la fortuna del marchio. E’ già da sette anni, infatti, che il web store più famoso del mondo ha cominciato a trasformarsi anche in un service provider. Come già accaduto nel settore dell’e-commerce, la tattica che ha portato al successo è stata semplice: trovare gli aspetti che potevano essere migliorati, creare un sistema flessibile e fissare i prezzi più bassi del mercato.

La CIA ha già spostato negli ultimi mesi parte del suo lavoro sui cloud di Amazon, constatando come vengano applicati degli «standard di sicurezza piuttosto elevati». E se a dirlo è proprio chi spia di professione...

Iscriviti alla newsletter Tecnologia

Argomenti:

Amazon

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.