Alibaba lancia un buyback da $25 miliardi, il più grande di sempre

Violetta Silvestri

22 Marzo 2022 - 09:56

Alibaba ha aumentato il suo piano di riacquisto azioni per un valore di $25 miliardi. Il buyback è il più grande nella storia del colosso cinese e ha come obiettivo sostenere la fiducia dei trader.

Alibaba lancia un buyback da $25 miliardi, il più grande di sempre

Alibaba ha aumentato il suo programma di riacquisto di azioni a 25 miliardi di dollari.

Il piano di riacquisto diventa così il più grande mai realizzato dal colosso dell’e-commerce, con lo scopo di sostenere le sue azioni in difficoltà mentre combatte il controllo normativo e le preoccupazioni sul rallentamento della crescita.

Il ridimensionamento del buyback arriva nel mezzo di un rally azionario del settore tech cinese, spinto dalle parole del vicepremier Liu He secondo le quali Pechino lancerà più misure per sostenere l’economia e politiche favorevoli per i mercati dei capitali.

Cosa significa e quale impatto avrà il piano di acquisto azioni proprie di Alibaba?

Alibaba: in arrivo un buyback mai visto, da $25 miliardi

Per la seconda volta in un anno, Alibaba Group ha ampliato il suo programma di riacquisto, dopo averlo già aumentato da $10 miliardi a $15 miliardi lo scorso agosto.

Le dimensioni del suo buyback passano adesso da $15 miliardi a $25 miliardi. Il programma di riacquisto di azioni sarà efficace per un periodo di due anni fino a marzo 2024, ha affermato la società.

Il gigante dell’e-commerce cinese sta cercando di aumentare la fiducia degli investitori, dopo il rallentamento della crescita e una repressione del settore tecnologico che ha portato le azioni della società a un minimo pluriennale.

Il gruppo fondato da Jack Ma ha perso circa il 65% del suo valore da quando le autorità cinesi hanno annullato l’offerta pubblica iniziale del suo braccio fintech Ant Group nel novembre 2020, innescando mesi di controllo normativo per i più grandi colossi tecnologici del Paese.

Da ricordare, Alibaba ha registrato la crescita delle vendite trimestrale più lenta nel quarto trimestre dalla sua IPO del 2014, con ricavi a +10% su base annua, la prima volta che la crescita è scesa al di sotto del 20%.

La principale attività di e-commerce dell’azienda deve far fronte alla crescente concorrenza di gruppi come Pinduoduo e JD.com e di piattaforme più recenti tra cui Douyin di ByteDance, l’app sorella di TikTok in Cina, che consente agli influencer di vendere prodotti attraverso contenuti in streaming.

In più, Alibaba è stata multata per una cifra record di $2,8 miliardi per aver abusato della sua posizione di mercato lo scorso anno e Ant rimane sotto il controllo normativo.

In questa cornice, si è inserito l’aumento di valore del buyback. “La decisione di riacquisto di Alibaba ha senso visto come le misure di Pechino contro il comportamento monopolistico e la disordinata espansione del capitale limiteranno le sue opportunità di nuovi investimenti”, ha affermato Rukim Kuang, fondatore di Lens Company Research con sede a Pechino.

Alibaba e il piano di riacquisto azioni

Alibaba ha riacquistato circa 56,2 milioni di azioni di deposito americane (ADR), per un valore di circa 9,2 miliardi di dollari, nell’ambito del programma di riacquisto precedentemente annunciato.

Daniel Zhang, amministratore delegato, ha ripetutamente affermato che le azioni del gruppo sono sottovalutate e che la società continuerà ad agire con il buyback.

“L’aumento del riacquisto di azioni sottolinea la nostra fiducia nel potenziale di crescita sostenibile a lungo termine e nella creazione di valore di Alibaba. Il prezzo delle azioni non riflette in modo equo il valore della società, data la nostra solida salute finanziaria e i nostri piani di espansione”, ha affermato il vicedirettore finanziario Toby Xu.

La battaglia per il colosso cinese è appena iniziata. Il prezzo delle azioni relativamente basso ha attirato noti investitori di valore, come il vicepresidente di Berkshire Hathaway Charlie Munger, ma la società non ha ancora spazzato via lo scetticismo di molti analisti di Wall Street.

“Robin Zhu di Bernstein ha indicato la crescita lenta e i margini in calo di Alibaba come motivi di preoccupazione. Il riacquisto di azioni dovrebbe aumentare i rendimenti per gli azionisti, ma il problema a lungo termine sono i venti contrari della concorrenza nell’e-commerce cinese, ha affermato Zhu.

Argomenti

# azioni

Iscriviti a Money.it

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.

Fai sapere la tua opinione e prendi parte al sondaggio di Money.it

Partecipa al sondaggio
icona-sondaggio-attivo