Agenda macro 31 maggio: atteso calo inflazione di Italia e Germania

L’agenda macro di oggi sarà ricca di market mover, in special modo per quanto riguarda la Germania, l’Italia e gli Usa. Il focus sarà da porsi sulle letture dell’inflazione preliminari per il mese di maggio, che sono attese in flessione

Agenda macro 31 maggio: atteso calo inflazione di Italia e Germania

Come si vede dal nostro calendario economico, l’agenda macro di oggi sarà ricca di market mover, in particolare per quanto concerne l’Italia, la Germania e gli Usa.

Le rilevazioni partiranno alle 8:00 con le vendite al dettaglio tedesche di aprile. Gli analisti censiti da Bloomberg si attendono un miglioramento della misurazione su base mensile allo 0,1% contro il -0,2% di marzo. Il dato annuale stagionalizzato è invece previsto in deciso aumento all’1,4% sul -2,1% di marzo.

Alle 14:00 verrà rilasciata la lettura sul CPI di maggio (preliminare), previsto allo 0,3% su base mensile, in diminuzione rispetto all’1% di aprile. Flessione stimata anche per l’inflazione annuale, che dovrebbe passare dal 2% all’1%.

Discesa prevista anche per il CPI tedesco armonizzato UE. Nello specifico, la rilevazione mensile è attesa allo 0,3% sull’1% precedente, mentre quella annuale dovrebbe scendere dal 2,1% registrato ad aprile all’1,6% per maggio.

Italia: inflazione debole a maggio

Si passerà poi in Italia, con la misurazione finale sul Pil del primo trimestre 2019. Gli esperti stimano un dato in linea con quello preliminare, allo 0,1% annualizzato e allo 0,2% su base trimestrale.

Focus poi all’inflazione del Belpaese di maggio (preliminare). Come per la Germania, gli analisti di Bloomberg stimano una contrazione di questa lettura. Nello specifico, il CPI calcolato includendo il tabacco è atteso all’1% contro l’1,1% di aprile su base annuale, mentre su base mensile la rilevazione dovrebbe rimanere stabile allo 0,2%.

È attesa una discesa più marcata per il dato armonizzato UE, il quale secondo le stime dovrebbe attestarsi allo 0,2% contro la crescita dello 0,6% di aprile. Il dato annuale dovrebbe è invece previsto allo 0,9% sull’1,1% precedente.

Usa: Chicago PMI vedrà una ripresa?

Oltreoceano, le attenzioni saranno catalizzato dal Chicago PMI di maggio, il quale è atteso in crescita a 54 punti dai precedenti 52,6.


Andamento del Chicago PMI. Fonte: Bloomberg

Da febbraio, questa misurazione ha iniziato un percorso fortemente discendente, fino a portarsi ai minimi dal gennaio 2017, pur restando sopra la soglia dei 50 punti, che separa la contrazione dall’espansione del settore manifatturiero. Nelle ultime misurazioni, le letture effettive dell’indice hanno sorpreso in maniera negative le attese degli esperti.

I riflettori saranno poi puntati sull’indice di fiducia dei consumatori elaborato dall’Università del Michigan per maggio (finale). Le attese degli analisti sono per una diminuzione del dato a 101,5 punti contro i 102,4 punti registrati in sede di rilevazione preliminare.

Iscriviti alla newsletter Economia e Finanza

Condividi questo post:

Trading online
in
Demo

Fai Trading Online senza rischi con un conto demo gratuito: puoi operare su Forex, Borsa, Indici, Materie prime e Criptovalute.